TRAMALOGIE. Donazione Anna Moro – Lin

- DATA INIZIO: 02/02/2023

- DATA FINE: 20/08/2023

- LUOGO: Venezia, Museo di Palazzo Mocenigo Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo

- INDIRIZZO: Santa Croce 1992 - 30135 Venezia

- TEL: +39 041 721798

Venezia, Museo di Palazzo Mocenigo Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo

TRAMALOGIE. Donazione Anna Moro – Lin. Mostra a cura di Chiara Squarcina. Palazzo Mocenigo Centro Studi di Storia del Tessuto

 

TRAMALOGIE. Donazione Anna Moro – Lin

 

COMUNICATO STAMPA

Mostra a cura di Chiara Squarcina

Dal 2 febbraio al 20 agosto, il Museo di Palazzo Mocenigo – Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo, propone “Tramalogie.

La Donazione di Anna Moro- Lin”, mostra a cura di Chiara Squarcina, promossa dal Comune di Venezia – Fondazione Musei Civici di Venezia, a poco più di due anni dalla scomparsa dell’artista.
Lidense, ma ligure di origine, Anna Moro-Lin è stata tra i grandi protagonisti della Fiber Art, l’Arte Tessile sviluppatasi a partire dal ventesimo secolo grazie anche all’artista francese Jean Lurçat, che si rifà all’arazzeria.

Già a partire dal 1920 al Bauhaus si sperimentava l’uso di fibre e materiali come la seta artificiale, il metallo, il cellophane e la ciniglia nella disciplina di tessitura, tutte tendenze che hanno dato origine, trent’anni dopo, alla Fiber Art vera e propria.

Il boom creativo effettivo però è stato negli anni 60/70 in cui questa forma d’arte ha raggiunto le sue forme più alte e disparate di espressione.
Il 23 giugno del 2020, Anna Moro-Lin aveva donato alla Città di Venezia un nucleo di 20 sue opere destinandole al Museo di Palazzo Mocenigo, Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo.
“L’arte di Anna Moro-Lin è stata consegnata alla storia grazie a questa donazione, afferma la Presidente della Fondazione Maria Cristina Gribaudi. Che qualifica la Donazione come “Un atto assolutamente generoso che darà l’opportunità, a quanti lo vorranno, di conoscere un capitolo importante della Fiber Art e cogliere gli sviluppi e le cifre caratteristiche di quest’artista lidense proveniente da un’antica famiglia veneziana che ha supportato e valorizzato da sempre la cultura e la sua diffusione”.
“L’entità creativa di Anna Moro-Lin permette – ad affermarlo è

Chiara Squarcina, curatrice della mostra e Direttore del Museo di Palazzo Mocenigo,

oltre che del Fortuny – di cogliere il valore assoluto nei confronti del tessile che, proprio grazie alla Fiber Art, viene sdoganato e assurge a materiale duttile per espressioni artistiche originali”.
“Questo è un punto fermo che riconosce anche la volontà del Museo di Palazzo Mocenigo di proseguire come Centro Studi.

Infatti, le opere donate consentono delle letture trasversali rispetto alle altre collezioni di Fiber Art conservate sempre a Palazzo Mocenigo.

Non possiamo altresì dimenticare che le principali esponenti di questa corrente artistica nascono e si sviluppano in ambito lagunare contaminando poi realtà nazionali e internazionali”.

“Questa monografica consente approfondire, non solo la cifra creativa dell’artista ma anche la sua evoluzione intesa come superamento dei limiti che circoscrivevano l’espressività legata alla Fiber Art.

Oggi queste opere sono un tassello determinante per la comprensione della mappatura generale dei linguaggi che sentono sempre più pressante la necessità di incrociarsi e interagire con il reale e un’ardita e quanto mai possibilistica visionarietà”.
“Con Anna Moro-Lin la tradizione non viene negata bensì assimilata e superata per tradurre riflessioni e introspezioni psicologiche ancorate al sentire contemporaneo, al disagio, alla solitudine, alla ricerca di un riconoscimento dell’ “io” che non si ritrova più ma che può, in qualche modo, intrecciarsi con la fibra materiale per ricostruirsi un’identità credibile e veritiera”, chiosa la Direttrice.
Il percorso si snoda in venti sale al primo piano nobile, raddoppiando le aree espositive aperte nel 1985.

È stata inoltre realizzata una nuova sezione dedicata al profumo con cinque stanze dedicate, dove strumenti multimediali ed esperienze sensoriali si alternano in un percorso di informazione, emozione, approfondimento.

Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo

L’ambiente nel suo insieme evoca diversi aspetti della vita e delle attività del patriziato veneziano tra XVII e XVIII secolo, ed è popolato da manichini che indossano preziosi abiti e accessori antichi appartenenti al Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume (ora Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo), annesso al Museo.

Moda e costume, con particolare riferimento alla storia della città, caratterizzano dunque da subito la ricerca e l’attività espositiva del Museo, nel contesto ambientale del palazzo gentilizio dei Mocenigo.
Le attività del Museo di Palazzo Mocenigo oltre a focalizzarsi sulla valorizzazione del patrimonio tessile attraverso l’accesso e lo studio guidato dei manufatti conservati presso i depositi, saranno dedicate allo studio della collezione di flaconi Storp che, data in comodato a lungo termine a Fondazione Musei Civici, consentirà di incrementare il supporto narrativo della sezione dedicata al profumo.

In considerazione del prestigio di questo nucleo saranno proposte anche iniziative specifiche in collaborazione con MAVIVE

Contatti per la Stampa

Fondazione Musei Civici di Venezia
press@fmcvenezia.it
www.visitmuve.it/it/ufficio-stampa

In collaborazione con
Studio ESSECI, Sergio Campagnolo
roberta@studioesseci.net

Palazzo Mocenigo
Santa Croce 1992
30135 Venezia
Tel +39 041 721798
mocenigo.visitmuve.it

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER