Luigi Serafini. Una casa ontologica

- DATA INIZIO: 21/03/2024

- DATA FINE: 25/08/2024

- LUOGO: ROMA – MACRO/ Museo d’Arte Contemporanea di Roma

- INDIRIZZO: Via Nizza 38

- TEL: +39 06 696271

Artista, architetto, autore e designer, Luigi Serafini ha sviluppato la sua ricerca si al di fuori dei contesti più convenzionali dell’arte

Il museo MACRO di Roma ospita la mostra Luigi Serafini. Una casa ontologica, aperta al pubblico fino al 25 agosto

 

Il museo MACRO di Roma ospita la mostra Luigi Serafini. Una casa ontologica, aperta al pubblico fino al 25 agosto
Installation view

 

La Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea ora Museo d’Arte Contemporanea di Roma/MACRO dal 1999 ha sede presso l’ex complesso produttivo della Società Birra Peroni adeguatamente restaurato e ristrutturato.

Dal 2018 la gestione del Museo e delle attività espositive temporanee è affidata all’Azienda Speciale Palaexpo, ente strumentale di Roma Capitale.

Per l’estate 2024 al MACRO sono programmate numerose esposizioni temporanee.

La mostra Una Casa ontologica di Luigi Serafini, aperta dal 21 marzo al 28 agosto 2024 si inserisce ambito di #Studio Bibliografico, uno spazio dedicato all’universo editoriale cartaceo e digitale.

Al centro riviste, fanzine, libri, operazioni artistiche ed ephemera d’oggi, di ieri o di un prossimo futuro in un programma nato per esplorare le potenzialità dell’editoria come mezzo per produrre e far circolare idee, arte, cultura e conoscenze, in un circuito alternativo a quelli ufficiali

Luigi Serafini (Roma, 1949) è un artista, architetto, autore e designer, la cui ricerca si è sempre sviluppata appunto al di fuori dei contesti più convenzionali dell’arte.

Una casa ontologica è concepita come un’opera espansa, un ambiente in cui Serafini ha creato un meta-ritratto che trasporta all’interno del museo la sua attitudine immaginifica attraverso la rielaborazione degli interni della sua casa romana.

Realizzata come un enorme Codex Seraphinianus tridimensionale, e sospesa tra una scenografia onirica dal linguaggio indecifrabile e un’opera di architettura geometrica e catalogatrice, la casa dell’artista è una testimonianza di quasi 40 anni di vita e di lavoro che oggi rischia di scomparire a causa di una condizione di sfratto che sta sensibilizzando l’opinione pubblica.

Il Codex Seraphinianus è la più nota opera editoriale di Serafini, contenente oltre mille disegni realizzati tra il 1976 e il 1978 e pubblicata nel 1981 da Franco Maria Ricci Editore: un’enciclopedia visiva dove ogni oggetto o immagine riproduce o fantastica un sapere zoologico, meccanico, botanico, mineralogico, tecnologico e alieno in metamorfosi costante.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 12.00 – 19.00
  • Sabato e domenica: 10.00 – 19.00
  • Lunedì chiuso
  • (ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura)

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.