Guido Guidi. Di sguincio

- DATA INIZIO: 03/02/2023

- DATA FINE: 11/03/2023

- LUOGO: LONDRA – Large Glass

- INDIRIZZO: 392 Caledonian Road London N1 1DN

- TEL: +44 (0)20-76099345

Gli scatti fotografici di Guido Guidi inquadrano soggetti colti da angolature oblique creando immagini di forte intensità espressiva

Guido Guidi. Di sguincio – LONDRA – Large Glass – Dal 3 febbraio al 11 marzo 2023

Guido Guidi. Di sguincio

 

Large Glass è una galleria d’arte contemporanea creata a Londra nel 2011 come alternativa alla scena delle gallerie commerciali tradizionali.

Prende il nome dalla celebre opera di Marcel Duchamp da cui riprende il concetto che l’arte esposta può essere allo stesso tempo concettuale, materiale e giocosa.

Dal 3 febbraio al 11 marzo 2023 la galleria presenta Di Sguincio, mostra personale dell’artista italiano Guido Guidi.

Nato a Cesena nel 1941 Guido Guidi è uno dei fotografi italiani più in vista, con una carriera che dura da più di cinque decenni e oltre trenta monografie pubblicate.

Formatosi nell’ambiente del cinema neorealista e dell’arte concettuale egli ha sviluppato una sua visione non sentimentale ma intensamente personale dell’immagine prodotta dallo scatto fotografico.

Nel lavoro egli  ha focalizzato principalmente il suo obiettivo su aree geografiche rurali e suburbane vicine a casa sua e occasionalmente più lontane in Europa.

Di sguincio la sesta mostra personale di Guido Guidi al Large Glass.

Coincide con la pubblicazione da parte di Mack, prestigioso editore londinese specializzato in fotografia, del volume Di sguincio, primo di una trilogia intitolata Album.

Della serie pubblicata, la mostra presenta fotografie selezionate, per lo più scattate dal 1977 al 1980 a Treviso e Preganziol, nel Nord Italia, dove Guidi insegnava all’epoca.

Era allora un momento chiave nel lavoro di Guidi, che continua la sua sperimentazione in bianco e nero ma sta già per passare a lavorare prevalentemente a colori con una fotocamera di grande formato nei primi anni ’80.

Di sguincio è un’espressione italiana, spesso associata a guardare, che può essere tradotta con obliquamente, diagonalmente, furtivamente, indirettamente.

La fotografia di Guidi privilegia infatti uno sguardo accidentale, volto a scoprire angolazioni inaspettate di oggetti, persone o luoghi quotidiani, per i quali nei primi anni Ottanta ha coniato il termine di ‘qualsiasità‘.

ORARI

Mercoledì > sabato 11.00 – 18.00

INFO

www.largeglass.co.uk

+44 (0)20-76099345

info@largeglass.co.uk

Emilio D’Elia a Ostuni: un rifugio artistico “Al riparo dai rumori del mondo”
Emilio D’Elia a Ostuni: un rifugio artistico “Al riparo dai rumori del mondo”
Posted on
MIKE di Dana Michel al MAMbo: un viaggio artistico nella cultura del Lavoro
MIKE di Dana Michel al MAMbo: un viaggio artistico nella cultura del Lavoro
Posted on
Corrispondenze. ITALO VALENTI e i sodalizi artistici fra Vicenza e Locarno
Corrispondenze. ITALO VALENTI e i sodalizi artistici fra Vicenza e Locarno
Posted on
ENZO MARI
ENZO MARI
Posted on
TULLIO CRALI. Una vita per il Futurismo
TULLIO CRALI. Una vita per il Futurismo
Posted on
Previous
Next
Emilio D’Elia a Ostuni: un rifugio artistico “Al riparo dai rumori del mondo”
MIKE di Dana Michel al MAMbo: un viaggio artistico nella cultura del Lavoro
Corrispondenze. ITALO VALENTI e i sodalizi artistici fra Vicenza e Locarno
ENZO MARI
TULLIO CRALI. Una vita per il Futurismo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER