EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri

- DATA INIZIO: 07/05/2024

- DATA FINE: 25/08/2024

- LUOGO: ROMA – Palazzo delle Esposizioni e altre sedi in città

- INDIRIZZO: Via Nazionale 194 e vari

- TEL: +39 06 696271

Torna a Roma Expodemic, il Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri

Palazzo delle Esposizioni e altre sedi in Roma ospitano EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri

 

Palazzo delle Esposizioni e altre sedi in Roma ospitano EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
Installation view

 

Il sette maggio 2024 si è aperto al pubblico, con base al Palazzo delle Esposizioni di Roma, EXPODEMIC, a cura di Lorenzo Benedetti con la collaborazione di Francesca Campana, evento promosso dall’ Assessorato alla Cultura di Roma Capitale e Azienda Speciale Palaexpo.

EXPODEMIC è la seconda edizione del Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri a Roma, che a partire dal Palazzo Esposizioni si diffonde nel tessuto della città.

Al centro dell’evento c’è la mostra che racconta lo stretto legame tra la nascita e lo sviluppo delle esposizioni e la storia delle accademie, sia attraverso il coinvolgimento di artisti stranieri attualmente residenti sia con documenti storici.

Roma non solo ospita il più alto numero di centri culturali internazionali, le cui vicende si intrecciano e si sviluppano fin dal 1666 con la fondazione dell’Accademia di Francia, ma è anche il luogo in cui sono state inventate le esposizioni moderne.

Per oltre 40 anni, tra il 1680 e 1720, il pittore, segretario dell’Accademia di San Luca e reggente della Congregazione dei Virtuosi al Pantheon, Giuseppe Ghezzi, organizzava nel Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro una serie di mostre di importanti opere presenti nelle collezioni delle famiglie aristocratiche romane.

Dava così avvio al concetto di esposizione moderna.

Grazie alla capacità di capire il proprio periodo storico, Ghezzi, con questa serie di esposizioni, rendeva pubblica l’arte, proponendo un’idea moderna e democratica della cultura e agendo così come primo curatore della storia.

Ampia è la rete di collaborazione per questo festival: Accademia di Belle Arti di Roma, Accademia di Danimarca, Académie de France à Rome – Villa Medici, Accademia Nazionale di San Luca, Accademia di Romania in Roma, Accademia Tedesca Roma Villa Massimo, Accademia d’Ungheria in Roma, Accademia dei Virtuosi al Pantheon, American Academy in Rome, British School at Rome, Circolo Scandinavo, Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro, Forum Austriaco di Cultura, Institutum Romanum Finlandiae, Istituto Culturale Coreano, Istituto Giapponese di Cultura, Istituto Polacco di Roma, Istituto Svizzero, Museo Casa di Goethe, Reale Istituto Neerlandese di Roma, Real Academia de España en Roma.

Con una tale rete di collaborazioni  internazionali gli artisti presenti arrivano da ogni angolo del mondo e sono: Kamrooz Aram, Ane Rodriguez Armendariz, Séverine Ballon, Jacopo Belloni, Alix Boillot, Susanne Brorson. Fatma Bucak, Pedro Luis Cembranos, Zachary Fabri, Hamedine Kane, Kapwani Kiwanga, Bjørn Melhus, Marko Nikodijevic, Tura Oliveira, Estefania Puerta Grisales, Chloé Quenum, Marie Robert, Sarina Scheidegger.

Alla mostra centrale di Palazzo delle Esposizioni, si aggiungono poi le proposte di eventi espositivi e non solo organizzati nelle varie sedi delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri che evidenziano la ricchezza e la diversità, nonché l’assoluta attualità di questo arcipelago culturale.

Il programma completo è pubblicato nel sito di Palaexpo all’indirizzo: https://www.palazzoesposizioniroma.it/pagine/in-programma

ORARI

  • Al Palazzo delle esposizioni  martedì> domenica 10.00 – 20.00
  • Nelle Accademie e Istituti di cultura stranieri Secondo gli orari di ciascuno come da programma

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.