LENA HERZOG. Any war, any enemy- murals and mezzotints Qualsiasi Guerra, qualsiasi nemico- Murales e mezzetinte

- DATA INIZIO: 11/04/2024

- DATA FINE: 22/06/2024

- LUOGO: VENEZIA – Cà Foscari Zattere/CFZ

- INDIRIZZO: Zattere al Pontelungo – Dorsoduro 1392

Il tema dell’estinzione nella mostra dell’artista concettuale multidisciplinare Lena Herzog

Cà Foscari Zattere di Venezia ospita la mostra di LENA HERZOG. Any war, any enemy- murals and mezzotints, fino al 22 giugno

 

Cà Foscari Zattere di Venezia ospita la mostra di LENA HERZOG. Any war, any enemy- murals and mezzotints, fino al 22 giugno
Locandina

 

Cà Foscari Zattere/CFZ è una delle sedi dell’Università Cà Foscari di Venezia dedicata a contenere la Biblioteca di area linguistica oltre a un ricco calendario di mostre e iniziative culturali aperte al pubblico.

Dall’11 aprile 2024 CFZ ospita la mostra Any war, any enemy- murals and mezzotints /Qualsiasi Guerra, qualsiasi nemico- Murales e mezzetinte dell’artista concettuale multidisciplinare di origine russa (Ekaterinburg Urali1970) Lena Herzog.

Curato da Silvia Burini e Giuseppe Barbieri, in occasione della 60ª Biennale d’Arte di Venezia, il progetto espositivo costituisce un ideale “dittico” con Last Whispers: Immersive Oratorio for Vanishing Voices, Collapsing Universes and, a Falling Tree, realizzato per la 59ª Biennale.

Entrambi i progetti riflettono sul tema dell’estinzione: Last Whispers delle lingue, Any War Any Enemydell’intero pianeta in seguito a una possibile e catastrofica guerra nucleare.

La mostra, un grido di dolore per la sofferenza che ogni conflitto porta inevitabilmente con sé, è una riflessione straziante – seppure poetica – sulla guerra e su tutti i conflitti, passati e presenti, che affliggono troppi Paesi del mondo.

Come i progetti precedenti, Herzog ha concepito Any War Any Enemy all’intersezione tra arte e scienza, combinando tecniche sperimentali all’avanguardia con pratiche artistiche la cui origine risale a secoli fa.

Attraverso uno specchio nero, murali ingigantiti e dieci incisioni a mezza tinta, l’esposizione assume una complessa configurazione “multimodale”.

Guardandosi allo specchio, chiunque si domanderà “Chi è il mio nemico?” troverà la risposta nel proprio riflesso.

Forse siamo noi i nemici di noi stessi.

ORARI DI APERTURA

  • Lunedì > sabato 10.00 – 18.00
  • Domenica 15.00 – 18.00
  • Ingresso libero

INFO

FEDERICO GAROLLA. Gente d’Italia. Fotografie 1948 – 1968
FEDERICO GAROLLA. Gente d’Italia. Fotografie 1948 – 1968
Posted on
Acqua più preziosa del diamante
Acqua più preziosa del diamante
Posted on
Silent Supper. Milena ZeVu
Silent Supper. Milena ZeVu
Posted on
MICRO-WATERS. CATERINA MORIGI
MICRO-WATERS. CATERINA MORIGI
Posted on
Vincent Peters. Timeless Time
Vincent Peters. Timeless Time
Posted on
Previous
Next
FEDERICO GAROLLA. Gente d’Italia. Fotografie 1948 – 1968
Acqua più preziosa del diamante
Silent Supper. Milena ZeVu
MICRO-WATERS. CATERINA MORIGI
Vincent Peters. Timeless Time

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.