La collezione Tacchini. Atto primo. Scultura e opere su carta

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Super Green Pass e mascherinaFFP2 per accedere agli spazi espositivi

La prima mostra dedicata alla valorizzazione di una straordinaria Collezione che entra nell’ambito pubblico a seguito dell’affidamento delle opere alla Fondazione Palazzo Ducale di Genova.

La collezione Tacchini. Atto primo. Scultura e opere su carta

 

 

La Wolfsoniana è lo spazio museale a Nervi che accoglie una selezione delle raccolte del collezionista Micky Wolfson, che rientra nella gestione della Fondazione Palazzo Ducale di Genova.

La collezione permanente presenta una vasta tipologia di materiali (dipinti, sculture, mobili, arredi completi, vetri, ceramiche, ferri battuti, argenti, tessuti, progetti di architettura, grafica, manifesti e materiali pubblicitari, bozzetti e disegni, libri e riviste).

Sono opere riferibili principalmente al contesto italiano del periodo 1885-1945, ma con significative testimonianze delle esperienze internazionali della stessa epoca.

Ora il Museo si arricchisce con uno straordinario deposito.

Infatti, a oltre quindici anni dal primo incontro tra Micky Wolfson e Francesco Tacchini, la Collezione Tacchini approda alla Wolfsoniana, ufficializzando così la stipula di un trust tra Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e il collezionista per la gestione e la promozione della sua cospicua e preziosa raccolta d’arte.

Una parte delle opere che saranno esposte in forma permanente alla Wolfsoniana viene ora valorizzata con un allestimento temporaneo nella mostra La collezione Tacchini. Atto primo. Scultura e opere su carta, curata da Matteo Fochessati e Gianni Franzone e aperta al pubblico il 5 marzo 2022.

Come espresso nel titolo questa è la prima mostra di presentazione della Collezione e propone una selezione di opere su carta e di scultura che testimonia la variegata identità e i principali caratteri distintivi della collezione.

Due filoni principali si sviluppano all’interno di tale percorso:

  • da un lato sono documentati alcuni aspetti salienti delle ricerche plastiche, grafiche e pittoriche in Liguria, negli anni a cavallo tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento;
  • dall’altro si propongono, attraverso un’ampia e articolata panoramica internazionale, alcune tra le principali esperienze delle avanguardie storiche del ventesimo secolo.

Nel primo filone si incontrano significative testimonianze della cultura plastica in Liguria, con nomi di rilievo come Edoardo Alfieri, Eugenio Baroni, Edoardo De Albertis, Francesco Falcone e Adolfo Lucarini, posti a confronto con scultori di livello nazionale come Leonardo Bistolfi e Francesco Messina che, operanti nella nostra regione, contribuirono a ravvivare il già effervescente contesto di ricerca locale.

Nel secondo filone si incontrano lavori su carta di rilevanti esponenti del primo e del secondo futurismo, come Cesare Andreoni, Giacomo Balla, Tullio Crali, Fortunato Depero, Gerardo Dottori e Gino Severini, oltre a protagonisti internazionali, tra i quali Salvador Dalì, Sonia Delaunay, Natalja Goncˇarova, Julio Gonzales, George Grosz e Fernand Léger.

DATA INIZIO: 05/03/2022

DATA FINE: 25/09/2022

LUOGO: GENOVA- NERVI – Wolsoniana

INDIRIZZO: Via Serra Gropallo, 4 – Nervi Genova

TEL: +39 0103231329

ORARI DI APERTURA

  • martedì-venerdì 9-19;
  • sabato e domenica 10-19.30;
  • lunedì chiuso

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.