BORIS LURIE – Life with the Dead

- DATA INIZIO: 20/04/2024

- DATA FINE: 24/11/2024

- LUOGO: VENEZIA – Scuola Grande di San Giovanni Evangelista

- INDIRIZZO: San Polo 2454

- TEL: tel. +39.041.718234

Nel Centenario della nascita Boris Lurie è presentato a Venezia nello scenario internazionale dell’arte indotto da Biennale Arte 2024

La Scuola Grande di San Giovanni Evangelista di Venezia ospita la mostra BORIS LURIE – Life with the Dead , fino al 24 novembre

 

La Scuola Grande di San Giovanni Evangelista di Venezia ospita la mostra BORIS LURIE - Life with the Dead , fino al 24 novembre
Installation view

 

In occasione del centenario della nascita di Boris Lurie, artista e scrittore americano di origine russa, la Boris Lurie Art Foundation, in collaborazione con il Museum Center for Perseculated Arts, presenta una sua grande mostra che durerà per tutto il tempo della 60ma Esposizione Internazionale d’arte della Biennale di Venezia, dal 20 aprile al 24 novembre 2024.

Boris Lurie era nato a Leningrado nel 1924 e cresciuto a Riga.

L’8 dicembre 1941, i suoi famigliari, madre, nonna, sorella e il suo primo amore furono assassinati dai nazisti in una sparatoria di massa nella foresta di Rumbula vicino a Riga.

Il ricordo dei morti lo ha accompagnato per ogni momento della sua vita.

Boris Lurie sopravvisse anche al terrore dei campi di concentramento e ha dedicato la sua ricerca artistica anche a testimoniare gli orrori dell’Olocausto.

E’ questa esperienza umana universale di dolore che Boris Lurie urla nelle sue opere in cui affronta, senza timore di apparire provocatorio, temi scottanti come antisemitismo, razzismo e populismo di destra in tutto il mondo.

La storia e l’arte e di Boris come la stessa scelta del titolo della mostraLife with the Dead – per questa presentazione veneziana della sua opera, non poteva trovare in Venezia un luogo più idoneo e rispondente alla natura e ai contenuti della sua ricerca artistica.

La mostra è allestita nello spazio Badoer adiacente la Chiesa di San Giovanni all’interno dell’area monumentale dell’antica istituzione veneziana.

Lo Spazio era usato infatti in passato come luogo di sepoltura e ancora porta scritta sopra la porta d’ingresso la parola Coemeterio.

Un sito di eternità e risurrezione.

In questo spazio vengono presentate più di cinquanta opere dal 1950 al 1970, oltre ai significativi collage e dipinti, tra cui, in evidenza, la scatola no! Dell’immigrato e le sculture di merda.

La mostra è stata presentata in anteprima il 17 aprile e sarà aperta al pubblico dal 20 aprile.

LORENZO QUINN.  Anime di Venezia – Souls of Venice
LORENZO QUINN. Anime di Venezia – Souls of Venice
Posted on
NEBULA
NEBULA
Posted on
EXPODEMIC.  Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
Posted on
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
Posted on
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT
Posted on
Previous
Next
LORENZO QUINN. Anime di Venezia – Souls of Venice
NEBULA
EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.