Il meglio maestro d’Italia. Perugino nel suo tempo

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 04/03/2023

- DATA FINE: 11/06/2023

- LUOGO: PERUGIA – Galleria Nazionale dell’Umbria

- INDIRIZZO: Corso Vannucchi, 19

- TEL: +39 07558668415

La più grande mostra per le celebrazioni del quinto centenario della morte di Perugino.

Il meglio maestro d’Italia. Perugino nel suo tempo – Mostra Perugino Perugia

 

Mostra Perugino Perugia
Manifesto ufficiale mostra Perugino

 

PERUGIA – Galleria Nazionale dell’Umbria Corso Vannucchi, 19

Dal 04/03 al 11/06/2023

Nato a Città di Pieve nel 1446 Pietro di Cristoforo Vannucci, meglio noto come Perugino, è morto a Fontignano nel 1523 e quest’anno ricorre il quinto centenario della sua morte.

Perugino è stato il maestro di Raffaello e certamente il più importante pittore negli ultimi due decenni del Quattrocento.

Dal 4 marzo all’11 giugno 2023 la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia lo celebra con una grande mostra dal titolo “Il meglio maestro d’Italia. Perugino nel suo tempo”,  che restituirà all’artista il ruolo che il pubblico e la sua epoca gli avevano assegnato, presentando i suoi maggiori capolavori, tutti antecedenti al 1504, nel momento in cui si trovava all’apice della sua straordinaria carriera.

L’esposizione, curata da Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria, e Veruska Picchiarelli, conservatrice del museo perugino, sarà l’evento di punta delle celebrazioni del centenario, coordinate da un Comitato Nazionale, istituito dal Ministero della Cultura e presieduto da Ilaria Borletti Buitoni.

Per la sua realizzazione sono stati coinvolti alcuni tra i più importanti musei nazionali e internazionali, come le Gallerie degli Uffizi di Firenze, la National Gallery di Washington, la National Gallery di Londra, il Louvre di Parigi e la Gemäldegalerie di Berlino, in una vera e propria partnership scientifica.

Oltre settanta opere, tutte antecedenti al 1504, anno nel quale egli lavorava a tre commissioni che segnano il punto più alto della sua carriera: la Crocifissione della Cappella Chigi in Sant’Agostino a Siena, la Lotta fra Amore e Castità già a Mantova, ora al Louvre di Parigi, e soprattutto lo Sposalizio della Vergine per la cappella del Santo Anello del Duomo di Perugia, oggi nel Musée des Beaux-Arts di Caen (Francia).

Centrale nel percorso espositivo sarà certamente l’opera forse più nota di Perugino, quello Sposalizio della Vergine che fu ripreso in una scena analoga anche da Raffaello, poche volte uscito dal Museo di Caen.

L’esposizione rifletterà sul ruolo che il Vannucci ha effettivamente svolto nel panorama artistico contemporaneo nel rapporto che lo ha legato ai protagonisti di quell’epoca, seguendo geograficamente gli spostamenti del pittore o delle sue opere attraverso l’Italia.

È sorprendente, infatti, come Perugino abbia lasciato tracce profonde del suo magistero in tutte le località della penisola toccate dalla sua attività, da nord a sud, a iniziare ovviamente dall’Umbria e dalla Toscana, teatri per eccellenza del suo lavoro, nonché sedi delle sue botteghe di Perugia e Firenze.

 

ORARI DI APERTURA

  • Tutti i giorni 08.30 -19.30
  • Accertare la corrispondenza dell’orario contattando il museo.
  • In occasione delle domeniche gratuite (prima domenica del mese) è obbligatoria la prenotazione.

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

5 thoughts on “Il meglio maestro d’Italia. Perugino nel suo tempo

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.