34^ BIENAL DE SÃO PAULO – ” Faz escuro mas eu canto”

Inizio - 05/02/2020

Fine - 06/12/2020

Luogo - SAN PAOLO BRASILE - Fundação Bienal de São Paulo

Indirizzo - Parque Ibirapuera, Portão 3, Pavilhão Ciccillo Matarazzo BR - 04094-000, São Paul, SP, Brasile

La Bienal de São Paulo è stata avviata nel 1951 ed è la seconda più antica biennale d’arte al mondo dopo la Biennale di Venezia

34^ BIENAL DE SÃO PAULO – ” Faz escuro mas eu canto”

 

34^ BIENAL DE SÃO PAULO - ” Faz escuro mas eu canto”
34^ BIENAL DE SÃO PAULO – ” Faz escuro mas eu canto”

 

La Bienal de São Paulo è stata avviata nel 1951 ed è la seconda più antica biennale d’arte al mondo dopo la Biennale di Venezia, che è stata istituita nel 1895 e ha servito da modello. 

Gli obiettivi iniziali della Biennale di San Paolo sono far conoscere l’arte contemporanea in Brasile e stabilire San Paolo come centro d’arte internazionale.  

La biennale serve quindi  ad avvicinare l’arte brasiliana a un pubblico internazionale e viceversa.  

Come per la Biennale di Venezia le mostre internazionali si svolgono sotto la direzione di curatori in rotazione. 

Il team curatoriale, della 34^ Bienal  è composto da Jacopo Crivelli Visconti, Paulo Miyada, Carla Zaccagnini, Francesco Stocchi e Ruth Estévez, 

Concepita come una polifonia di voci e punti di vista sulla produzione artistica contemporanea, la 34a Bienal de São Paulo  ha il titolo  Faz escuro mas eu canto [Sebbene sia buio, continuo a cantare 

La Biennale comincia nel grande edificio della Biennale (progetto di Oscar Niemeyer) a febbraio 2020, con una serie di mostre personali ed eventi performativi che si susseguono fino all’inaugurazione della mostra principale, a settembre. 

L’edizione 2020  dell’evento ha adottato un nuovo formato, volto a creare una molteplicità di situazioni distinte in cui può aver luogo l’incontro tra opere d’arte e pubblico.  

Viene data particolare attenzione al potere e all’urgenza della produzione all’interno del campo espanso della diaspora africana. 

In generale, la 34a Bienal desidera fare luce su produzioni che meritano maggiore attenzione, come l’arte indigena contemporanea (brasiliana e di altre parti del mondo) o quella prodotta nei Caraibi. 

ORARI
Vari a seconda degli eventi
Da vedere in loco

INFO
Tel: +55 11 5576 7600

Leave a Comment

Nel salotto del collezionista

Un percorso espositivo gratuito reso straordinario da capolavori di Francesco Hayez, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Giacomo Balla, Adolfo Wildt provenienti da prestigiose istituzioni museali della Lombardia UNA GRANDE MOSTRA SU ARTE E MECENATISMO LOMBARDO TRA 800 E 900

Leggi Tutto »
Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Cinema, video e videoinstallazioni proposte come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi  Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo     Nel 2020

Leggi Tutto »

Della materia spirituale dell’arte

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo riunisce alcuni tra i più importanti protagonisti della scena artistica dei nostri tempi in una grande collettiva sul tema della materia spirituale dell’arte  Della materia spirituale dell’arte     Il MAXXI –

Leggi Tutto »

The Missing Planet

Uno sguardo sullo stato dell’arte e della ricerca artistica nelle ex repubbliche sovietiche a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino The Missing Planet   Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata

Leggi Tutto »