WARS 2023 | AL DI LÀ DELL’ORRORE

- DATA INIZIO: 13/05/2023

- DATA FINE: 15/10/2023

- LUOGO: RIVA DEL GARDA – Forte Garda

- INDIRIZZO: Monte Brione

- TEL: +39 0464 573869

Ucraina, Yemen e Iraq sono gli scenari drammatici presentati nella mostra a Forte Garda sul Monte Brione

WARS 2023 | AL DI LÀ DELL’ORRORE – Mostra Riva del Garda

 

Mostra Fotografica Riva del Garda
Locandina

 

RIVA DEL GARDA – Forte Garda Monte Brione

Dal 13/05 al 15/10/2023

All’interno della Rocca, antico castello medievale, ha sede il Museo di Riva del Garda, con le sue sezioni permanenti, gli spazi riservati alle mostre temporanee e lo spazio-laboratorio INvento rivolto ai più piccoli e alle famiglie.

Affacciato sulle acque del lago di Garda, il Museo costituisce una delle due sedi espositive del Museo Alto Garda/MAG, insieme alla Torre Apponale e a Forte Garda sul monte Brione.

A Forte Garda MAG e Associazione 46° Parallelo presentano fino al 15 ottobre 2023 una mostra di scottante attualità: WARS 2023 | AL DI LÀ DELL’ORRORE, mostra fotografica che racconta di tre conflitti in corso sul Pianeta con l’obiettivo di perseguire finalità legate all’educazione alla pace, ai diritti umani e al valore della cittadinanza.

Vengono presentate trenta fotografie selezionate attingendo dalle prime due edizioni di WARS, premio fotografico internazionale creato da Raffaele Crocco, direttore dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo e da Montura, con la direzione del pluripremiato fotografo Fabio Bucciarelli.

La mostra che pone l’accento sulle drammatiche conseguenze dei conflitti contemporanei sulle popolazioni residenti e sull’ambiente presenta i conflitti in Ucraina, Yemen e Iraq.

Si tratta di tre guerre che mostrano il cambiamento netto degli equilibri nel Pianeta dove potenze grandi e medie si confrontano per ridefinire il loro ruolo, la loro forza.

Oltre a raccontare la tragedia di ogni guerra, queste fotografie – e di conseguenza la mostra – parlano dell’incredibile capacità degli esseri umani di creare e cercare una quotidianità, una normalità anche nella disperazione più cupa.

Le trenta fotografie sono state realizzate da fotografi di grande esperienza, vincitori di numerosi premi, come:

  • Laurence Geai, fotoreporter francese il cui lavoro si concentra sui conflitti armati, in particolare del Vicino Oriente: Siria, Iraq, Israele, Palestina.

Le sue opere riguardano anche le conseguenze della crisi dei rifugiati in Europa e Francia.

  • Manu Brabo fotoreporter freelance il cui lavoro si concentra sui conflitti sociali in tutto il mondo.
  • Giles Clarke, fotoreporter di stanza a New York che si occupa di catturare il volto umano dei problemi attuali e postbellici in tutto il mondo.

ORARI DI APERTURA

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.