THUS WAVES COME IN PAIRS SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO

- DATA INIZIO: 22/04/2023

- DATA FINE: 05/11/2023

- LUOGO: VENEZIA – Ocean Space/Ex chiesa di San Lorenzo

- INDIRIZZO: Campo San Lorenzo- Castello 5069

Una nuova esposizione ad Ocean Space mette in relazione arte e riflessioni sullo stato del  Mediterraneo

THUS WAVES COME IN PAIRS SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO – Mostra Venezia

 

Mostra Arte Venezia
Mnifesto mostra

 

VENEZIA – Ocean Space/Ex chiesa di San Lorenzo  Campo San Lorenzo-  Castello 5069

Dal 22/04 al 05/11/2023

Fondata e guidata da TBA21–Academy con sede nella ex Chiesa di San Lorenzo a Venezia, Ocean Space è un centro globale che presenta mostre, ricerche e programmi pubblici che intendono promuovere l’alfabetizzazione critica sull’Oceano, la ricerca collaborativa e la difesa dell’ambiente attraverso le arti.

Dal 22 aprile 2023 Ocean Space presenta “Thus waves come in pairs“, una mostra a cura di Barbara Casavecchia che include due nuove commissioni.

La mostra vede l’incontro tra le monumentali sculture in ceramica e vetro dell’artista americano-libanese Simone Fattal e la nuova installazione del duo Petrit Halilaj & Álvaro Urbano, co-commissionata da TBA21–Academy e Audemars Piguet Contemporary.

Il progetto espositivo è un’evoluzione site-specific di “The Current III“, ciclo triennale guidato da Barbara Casavecchia volto a sostenere progetti situati, pedagogie collettive e voci lungo le sponde del Mediterraneo attraverso i campi dell’arte, della cultura, della scienza, della conservazione e dell’attivismo .

Oggi quel progetto si è evoluto nel formato generativo di passeggiate, performance, podcast, conversazioni e viaggi sul campo, e ha costruito piattaforme per il pensiero collaborativo.

Incentrato sui rapidi cambiamenti climatici che interessano le sponde del Mediterraneo a un ritmo del 20% superiore rispetto a qualsiasi altra zona del pianeta, con l’espansione delle aree colpite da siccità, alterazione dei cicli dell’acqua e proliferazione delle ondate di calore, “The Current III” invita a riorientare e a registrare “i limiti dei nostri apparati della conoscenza”.

Simone Fattal è cittadina del mondo: nata in Siria, cresciuta in Libano, formatasi in filosofia in Francia e oggi residente in California.

La sua istallazione “Sempre il mare, uomo libero, amerai!” (dalla poesia “L’uomo e il mare” di Charles Baudelaire) occupa l’ala est della ex Chiesa di San Lorenzo, comprese due nicchie vuote dell’altare barocco, con un gruppo di sculture monumentali in vetro e ceramica create per l’occasione.

Tra loro, le figure di Máyya e del suo amante Ghaylán, coppia celebrata nella poesia araba classica così come in racconti e leggende popolari, che variano da paese a paese.

Petrit Halilaj (nato in Kosovo) e Álvaro Urbano (nato in Spagna) sono due artisti visivi con sede a Berlino.

Lavorando per lo più individualmente, la loro pratica comune coniuga aspetti specifici degli interessi di ciascun artista e integra la ricerca dell’altro.

I due artisti sono stati invitati a sviluppare insieme un’installazione site-specific, presentata in anteprima ad Ocean Space.

L’opera crea un ecosistema composto da una serie di sculture di grandi dimensioni di creature ibride acquatiche e terrestri, esplorando le nozioni di coesistenza e parentela tra specie diverse e tra organismi viventi e oggetti.

Durante tutto il periodo espositivo, un cast di musicisti e performer attiverà l’installazione con durata e intervalli variabili.

L’installazione occupa metà della storica chiesa di San Lorenzo, riflettendo sull’architettura unica della chiesa sconsacrata e sulle relazioni che intercorrono tra città e laguna di Venezia.

 

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

1 thought on “THUS WAVES COME IN PAIRS SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.