Thus waves come in pairs SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO

- DATA INIZIO: 22/04/2023

- DATA FINE: 05/11/2023

- LUOGO: VENEZIA – TBA21 Academy Ocean Space

- INDIRIZZO: Chiesa di San Lorenzo- Castello 5069

Non è mostra collaterale ma i temi affrontati da Simone Fattal e dal duo Petrit Halilaj & Álvaro Urbano in Ocean Space rispondono anche alle sollecitazioni di Biennale Architettura 2023

Thus waves come in pairs SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO – Mostra Venezia

 

Mostra Ocean Space Venezia
Manifesto mostra sito ufficiale

 

VENEZIA – TBA21 Academy Ocean Space Chiesa di San Lorenzo- Castello 5069

Dal 22/04 al 05/11/2023

TBA21–Academy presenta “Thus waves come in pairs/ Così le onde arrivano in coppia“, una mostra che include due nuove commissioni che debutteranno a Ocean Space di Venezia per il programma espositivo 2023, a cura di Barbara Casavecchia La mostra “Thus waves come in pairs“, il cui titolo è tratto dal poema “Sea and Fog” (“Mare e nebbia”) di Etel Adnan, vede l’incontro tra le monumentali sculture in ceramica e vetro dell’artista americano-libanese nato a Damasco ma cresciuto in Libano Simone Fattal e la nuova installazione del duo kosovaro-spagnolo Petrit Halilaj & Álvaro Urbano, co-commissionata da TBA21–Academy e Audemars Piguet Contemporary.

Il progetto espositivo è un’evoluzione site-specific di “The Current III“, ciclo triennale guidato da Barbara Casavecchia, avviato a Venezia come esercizio transdisciplinare di percezione.

The Current III è un’iniziativa pioneristica, finalizzata a sostenere progetti, pedagogie collettive e voci lungo le sponde del Mediterraneo attraverso i campi dell’arte, della cultura, della scienza, della conservazione e dell’attivismo.

Il progetto si è progressivamente evoluto ed arricchito in un format che prevede passeggiate, performance, podcast, conversazioni e viaggi sul campo, e ha costruito piattaforme per il pensiero collaborativo.

Incentrato sui rapidi cambiamenti climatici che interessano le sponde del Mediterraneo a un ritmo del 20% superiore rispetto a qualsiasi altra zona del pianeta, con l’espansione delle aree colpite da siccità, alterazione dei cicli dell’acqua e proliferazione delle ondate di calore, “The Current III” invita a riorientare e a registrare “i limiti dei nostri apparati della conoscenza”, come scrivono Chambers e Marta Cariello nel loro saggio “La questione mediterranea”.

Per la mostra Thus waves come in pairs l’installazione di Simone FattalSempre il mare, uomo libero, amerai!”, (dal poema “L’uomo e il mare” di Charles Baudelaire) occupa l’ala est dell’ex Chiesa di San Lorenzo, comprese due nicchie vuote del suo altare barocco, con un gruppo di sculture monumentali in ceramica e vetro create per l’occasione.

Petrit Halilaj & Álvaro Urbano hanno invece creato un ecosistema composto da una serie di sculture di grandi dimensioni di creature ibride acquatiche e terrestri, che parlano della coesione e dell’esplorazione dell’armonia (o della sua mancanza) tra specie diverse, o tra organismi viventi e oggetti.

Durante tutto il periodo espositivo, un cast di musicisti e performer attiverà l’installazione con durata e intervalli variabili.

L’installazione occuperà metà della storica ex chiesa di San Lorenzo, riflettendo sull’architettura unica della chiesa sconsacrata e sulle relazioni che intercorrono tra città e laguna di Venezia.

 

ORARI DI APERTURA

  • Mercoledì > domenica 11.00 – 18.00

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 thoughts on “Thus waves come in pairs SIMONE FATTAL, PETRIT HALILAJ & ÁLVARO URBANO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.