Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

La mostra aperta fino al 29 settembre a Lipsia è un omaggio ad un’artista, pittrice, scultrice, designer

Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

LIPSIA – GfZK-Galerie für Zeitgenössische Kunst
Karl-Tauchnitz-Straße 9-11, 04107 Leipzig, Germania
Fino al 29 settembre 2019

Nathalie-Du-Pasquier-painting-100x150.-2006.-Courtesy-GfZK-Leipzig
Nathalie-Du-Pasquier-painting-100×150.-2006.-Courtesy-GfZK-Leipzig

Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

Nathalie du Pasquier (nata a Bordeaux nel 1957) era una delle donne del gruppo Memphis.

Si trattava di un influente collettivo postmoderno di design e architettura che, nei primi anni ’80, lavorò a Milano attorno a Ettore Sottssas.

 

Gli anni di Milano

Trasferitasi in quegli anni a Milano, Nathalie ha sperimentato un’intensa pratica di laboratorio mostrando una grande attenzione oggetti di uso quotidiano.

Questo avevano fatto la sua fortuna durante l’era di Memphis. Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura.

In seguito, si è dedicata alla pittura con dipinti caratterizzati da composizioni minime o moduli geometrici.

 

La mostra a Lipsia

La mostra aperta fino al 29 settembre a Lipsia è un omaggio ad un’artista, pittrice, scultrice, designer.

Un omaggio, inoltre, alla sua capacità di spostarsi tra forme e pratiche, fino alla recente “riscoperta” del suo lavoro nel campo della moda dalla metà degli anni 2000.

 

Gli anni 80

Esperienza che ha evidenziato e valorizzato il suo lavoro degli anni Ottanta.

In quegli anni, infatti, ha progettato trame di superficie grafiche per numerosi tessuti e tappeti, nonché oggetti e mobili con un design influenzato da motivi tessili africani.

La maggior parte dei suoi quadri raffigura la relazione tra forme, oggetti e spazi.

 

Lo spazio di lavoro

Lo spazio e il lavoro formano un’unità inseparabile.

Seguire il suo lavoro è un viaggio attraverso il mondo delle sue cose: gioco di costruzioni e composizioni nell’immagine e nello spazio.

La maggior parte dei suoi quadri sonda e raffigura le relazioni tra forme, oggetti e spazio.

Le differenze tra superfici vengono spesso annullate.

Accade ciò, nel processo creativo fra pittura e grafica, e pareti, pavimento e soffitto si fondono in un tutt’uno continuo di tappeti, tele e carta come materiali di supporto.

 

ORARI

Da martedì a venerdì: dalle ore 14.00 alle ore 19.00
Sabato e domenica dalle ore 12.00 alle ore 18.00

 

INFO

 Tel:+49 341-140 81 0
E-mail: office@gfzk.de

 

Leave a Comment

csm_martin-kieppenberger_no-waiting_960x397_bdc3b52e4b

MARTIN KIPPENBERGER Bitteschön Dankeschön

A Bonn retrospettiva di Martin Kippenberger , artista tedesco che fu anche attore, scrittore, musicista, ballerino, imprenditore e manager culturale. Artista dal linguaggio icastico e provocatorio MARTIN KIPPENBERGER Bitteschön Dankeschön BONN – Bundeskunsthalle Museum Mile Bonn Helmut-Kohl-Allee 4 – 53113

Leggi Tutto »
La sbornia

LA SBORNIA

“Io mi interesso per trovare il posto” dice il più anziano del gruppo dei Portici, quello che aveva un Laverda50 e si poteva quindi muovere con più facilità rispetto a tutti noi LA SBORNIA     “Io mi interesso per

Leggi Tutto »
Giovanni Anselmo, vista della mostra, Foto Andrea Veneri

GIOVANNI ANSELMO. Entrare nell’opera

L’Accademia di San Luca rende omaggio ad uno dei protagonisti del movimento artistico d’avanguardia italiano dell’Arte Povera: Giovanni Anselmo GIOVANNI ANSELMO. Entrare nell’opera ROMA – Accademia di San Luca Piazza Accademia San Luca 77 Roma Fino al 31 gennaio 2020

Leggi Tutto »
Karel Appel LATE NUDES, 1985 –1997 - Galerie Max Hetzler | Goethestrasse

Karel Appel LATE NUDES, 1985 –1997

A Berlino personale di Karel Appel, uno dei fondatori del movimento d’avanguardia CoBrA sviluppatosi tra il 1948 e il 1951 Karel Appel LATE NUDES 1985 –1997 BERLINO – Galerie Max Hetzler Bleibtreustraße 45 – 10623 Berlino, Germania Fino al 11

Leggi Tutto »
Inge Morath Museo di Roma in Trastevere

Inge Morath

Roma rende omaggio ad Inge Morath fotoreporter con il duplice dono di parole e immagini che la rendevano insolita tra i colleghi Inge Morath ROMA – Museo di Roma in Trastevere Piazza Sant’Egidio, 1/b Dal 30 novembre 2019 al 19

Leggi Tutto »