Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

La mostra aperta fino al 29 settembre a Lipsia è un omaggio ad un’artista, pittrice, scultrice, designer

Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

LIPSIA – GfZK-Galerie für Zeitgenössische Kunst
Karl-Tauchnitz-Straße 9-11, 04107 Leipzig, Germania
Fino al 29 settembre 2019

Nathalie-Du-Pasquier-painting-100x150.-2006.-Courtesy-GfZK-Leipzig
Nathalie-Du-Pasquier-painting-100×150.-2006.-Courtesy-GfZK-Leipzig

Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

Nathalie du Pasquier (nata a Bordeaux nel 1957) era una delle donne del gruppo Memphis.

Si trattava di un influente collettivo postmoderno di design e architettura che, nei primi anni ’80, lavorò a Milano attorno a Ettore Sottssas.

 

Gli anni di Milano

Trasferitasi in quegli anni a Milano, Nathalie ha sperimentato un’intensa pratica di laboratorio mostrando una grande attenzione oggetti di uso quotidiano.

Questo avevano fatto la sua fortuna durante l’era di Memphis. Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura.

In seguito, si è dedicata alla pittura con dipinti caratterizzati da composizioni minime o moduli geometrici.

 

La mostra a Lipsia

La mostra aperta fino al 29 settembre a Lipsia è un omaggio ad un’artista, pittrice, scultrice, designer.

Un omaggio, inoltre, alla sua capacità di spostarsi tra forme e pratiche, fino alla recente “riscoperta” del suo lavoro nel campo della moda dalla metà degli anni 2000.

 

Gli anni 80

Esperienza che ha evidenziato e valorizzato il suo lavoro degli anni Ottanta.

In quegli anni, infatti, ha progettato trame di superficie grafiche per numerosi tessuti e tappeti, nonché oggetti e mobili con un design influenzato da motivi tessili africani.

La maggior parte dei suoi quadri raffigura la relazione tra forme, oggetti e spazi.

 

Lo spazio di lavoro

Lo spazio e il lavoro formano un’unità inseparabile.

Seguire il suo lavoro è un viaggio attraverso il mondo delle sue cose: gioco di costruzioni e composizioni nell’immagine e nello spazio.

La maggior parte dei suoi quadri sonda e raffigura le relazioni tra forme, oggetti e spazio.

Le differenze tra superfici vengono spesso annullate.

Accade ciò, nel processo creativo fra pittura e grafica, e pareti, pavimento e soffitto si fondono in un tutt’uno continuo di tappeti, tele e carta come materiali di supporto.

 

ORARI

Da martedì a venerdì: dalle ore 14.00 alle ore 19.00
Sabato e domenica dalle ore 12.00 alle ore 18.00

 

INFO

 Tel:+49 341-140 81 0
E-mail: office@gfzk.de

 

Leave a Comment

Martin Schoeller Death Row Exonerees

I grandi ritratti di Martin Schoellere mostrano uomini e donne costrette a condizioni carcerarie inaccettabili. Martin Schoeller Death Row Exonerees Fotografiskaè la più importante galleria per artisti fotografi della Svezia, Fiondata nel 2010 la Galleria ha aperto poi una sede

Leggi Tutto »

COOPER & GORFER: Between These Folded Walls, Utopia

Scatti che offrono immagini di grande bellezza ma anche stimolano alla riflessione sulla condizione della donna. COOPER & GORFER: Between These Folded Walls, Utopia Fotografiska è una galleria svedese dedicata all’arte fotografica. E’ stata inaugurata nel 2010 a Stoccolma, in

Leggi Tutto »

STEVE McCURRY. Icons

In mostra a Cagliari Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea. STEVE McCURRY. Icons Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per un larghissimo pubblico che

Leggi Tutto »

KAKEMONO

L’arte giapponese dei Kakemono in mostra a Lugano;: la più estesa esposizione mai dedicata all’arte giapponese. KAKEMONO Il Museo delle Culture di Lugano, MUSEC, nella sua rinnovata sede di Villa Malpensata, propone un approfondimento sull’arte orientale . Questo tema, dopo

Leggi Tutto »