GIUSEPPE STAMPONE. La natura delle cose

- DATA INIZIO: 18/06/2023

- DATA FINE: 06/08/2023

- LUOGO: CITTÀ SANT’ANGELO (Pescara) Museolaboratorio – Ex manifattura Tabacchi

- INDIRIZZO: Vico Lupinato 1

- TEL: +39 (0)85 960 555

Dopo aver personalmente scattato le foto sul Gran sasso e la Maiella, Stampone ne ha riprodotte le immagini in disegni a grafite

GIUSEPPE STAMPONE. La natura delle cose – Mostra Pescara

 

Mostra Giuseppe Stampone Pescara
Manifesto

 

CITTÀ SANT’ANGELO (Pescara) Museolaboratorio – Ex manifattura Tabacchi Vico Lupinato 1

Dal 18/06 al 06/08/2023

Il Museolaboratorio Ex Manifattura Tabacchi è stato istituito per volonta’ dell’Amministrazione Comunale di Citta’ Sant’Angelo nel 1998.

Museolaboratorio, è un luogo di conservazione e valorizzazione delle opere della collezione permanente, ma è anche un luogo di incontro e di lavoro per gli artisti, laboratorio di sperimentazione e di ricerca, utili a tutte le possibili espressioni dell’arte visiva contemporanea.

Negli spazi dedicati ad esposizioni temporanee offre occasioni di visibilità e confronto ad artisti che si esprimono nei più diversi media, tecniche e stili.

Fino al 6 agosto 2023 è allestita la mostra La natura delle cose dell’artista Giuseppe Stampone (Cluses Francia 1974).

Stampone, che oggi vive e lavora tra Teramo, Roma e Bruxelles, è docente all’Accademia di Belle Arti di Bologna e collabora con Università e Accademie in Italia e all’estero.

A Città Sant’Angelo Stampone presenta il progetto vincitore del “PAC2021 – Piano per l’Arte Contemporanea” promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e, a conclusione della mostra, l’opera entra ufficialmente nella collezione del Museo.

Il titolo fa riferimento al De rerum natura, poema filosofico di Lucrezio, in cui il poeta latino nel primo secolo avanti Cristo delinea la costituzione molecolare dell’universo, l’anima e il suo destino, la paura della morte e le caratteristiche individuali dell’essere umano (corpo, sensi, pensiero e amore).

In quest’opera Lucrezio cerca di collocare l’umanità in un contesto più ampio e universale, indagando il posto che l’uomo occupa nel mondo naturale, sia a livello molecolare che astrologico.

Ispirandosi a Lucrezio, infatti, Stampone ha realizzato una sessantina di opere, tra fotografie, disegni e una installazione video, pensate per stimolare una riflessione sul paesaggio e sul “posto” che l’uomo occupa rispetto al pianeta in cui vive.

L’artista è tornato a frequentare due luoghi a lui molto cari, il Gran Sasso e la Maiella, in Abruzzo, elevandoli a paradigma di questa idea, utilizzando personalmente la macchina fotografica con cui ha scattato una serie di fotografie delle montagne, utilizzate per poi realizzarne dei disegni a grafite.

In mostra viene anche documentato in video l’intero processo di realizzazione: dalle escursioni in alta quota dell’artista, alla realizzazione degli scatti fotografici, alla produzione dei disegni fino alla scelta dei colori Pantone.

La scelta dell’uso della grafite nel realizzare i suoi disegni è una scelta dell’autore.

Per lui, infatti, disegnare è un processo che alimenta la riflessione e aiuta a riformulare il nostro rapporto con il tempo; lavorare con la matita non permette di accelerare il processo di realizzazione di un disegno.

Usare la grafite è quindi il modo in cui Stampone ha scelto per opporsi ai ritmi accelerati della vita.

 

ORARI DI APERTURA

  • martedì >giovedì: 9:.00 – 13.00 (visite guidate per gruppi e scolaresche)
  • sabato: 9.00 – 13.00 (laboratori didattici)
  • dal giovedì al sabato: 17.00 – 21.00
  • domenica 10.00 – 14.00.

INFO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

1 thought on “GIUSEPPE STAMPONE. La natura delle cose

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.