FOCUS CULTURA

"Occorrono uomini creativi" (Gianni Rodari)

Angelo Tabaro

Angelo Tabaro

PARCHI D’ARTE e Land Art # 3 – Sicilia

Sicilia: Un Viaggio nell’Arte e Natura dei Parchi d’arte e Land Art

Parchi d’arte e opere di Land Art in Sicilia. Un viaggio unico tra natura e arte a Sciacca, Gibellina Vecchia e molti altri luoghi.

 

Parchi d'arte e opere di Land Art in Sicilia. Un viaggio unico tra natura e arte a Sciacca, Gibellina Vecchia e molti altri luoghi.
Fonte: http://www.comune.alia.pa.it
Immagine: Pietro Savorelli
Copyright: psavo

 

PARCHI D’ARTE e Land Art # 3  Sicilia

Un po’ di tempo fa avevamo trattato di quelle affascinanti realtà che sono gli spazi aperti dedicati all’arte, in particolare scultura e installazioni, presenti in Italia con un approfondimento sul Piemonte.

Ora continua l’elencazione di queste realtà con attenzione particolare alle due isole maggiori Sicilia e Sardegna.

Vediamo questi meravigliosi parchi in Sicilia, nei quali natura ed arte si incontrano in un viaggio unico ed emozionante.

 

Parchi d’arte Land Art Sicilia:

FIUMARA D’ARTE A CASTEL DI TUSA (ME)

Lungo gli argini del fiume Tusa che sfocia nella costa tirrenica della Sicilia è possibile trovare una serie di sculture installate nel corso degli anni grazie alla ferrea volontà del collezionista Antonio Presti.

Dalla piramide realizzata da Mauro Staccioli su un’altura di Motta d’Affermo, al Monumento per un poeta morto di Tano Festa, conosciuto anche come la Finestra sul mare. Tutto è pensato per fondersi con il paesaggio in maniera poetica e non autoritaria. Per esaltarlo senza mortificarlo.

(www.ateliersulmare.com )

 

Il GRANDE CRETTO a GIBELLINA VECCHIA (TP)

Dopo il terremoto che nel 1968 ha colpito la valle del Belice radendo al suolo, tra le altre località, anche Gibellina.

Sui ruderi della vecchia Gibellina Alberto Burri ha realizzato un grande intervento di Land art esteso per circa 80.000 metri quadri e considerato l’opera d’arte contemporanea più estesa al mondo. Una grande esposizione a cielo aperto tra natura ed arte.

E’ il Grande Cretto, un memoriale che racchiude e custodisce al proprio interno, in termini fisici e metaforici, la traccia del passato e della vita della comunità sconvolta dal sisma.

L’opera, che sul piano formale riproduce la tipologia dei Cretti realizzati dall’artista negli anni Settanta, si estende in scala monumentale lungo il pendio della collina, sulle macerie della città.

Il Cretto si compone di ventidue cubi di cemento bianco che rievocano la struttura delle abitazioni sottostanti: un labirinto che può essere percorso camminando tra gli spazi che separano i blocchi e ricordano le antiche strade del paese.

(https://luoghidelcontemporaneo.beniculturali.it/grande-cretto- )

 

GIBELLINA NUOVA (TP)

La città di Gibellina Nuova è stata costruita ex novo in seguito al terremoto che nel 1968 distrusse ila maggior parte dei comuni della valle del Belice, in provincia di Trapani.

Nel 1970 l’amministrazione guidata dal sindaco Ludovico Corrao scelse così di accompagnare l’edificazione della nuova Gibellina con un ambizioso progetto di arredo urbano che l’avrebbe trasformata nel più grande museo a cielo aperto d’Italia.

Artisti e architetti di fama internazionale furono invitati a riformulare l’aspetto della nuova città antisismica. Un progetto di interventi per lo spazio pubblico che comprendessero sia il riassetto urbanistico dei luoghi maggiormente rappresentativi della vita collettiva, sia la produzione di oltre cinquanta opere d’arte, sculture e installazioni da collocare in tutto il tessuto urbano.

Le opere accolgono il visitatore sin dall’entrata in città, dove è collocata la Stella d’ingresso al Belice realizzata da Pietro Consagra nel 1981.

Si tratta di una installazione in acciaio inox eretta sulla strada per Gibellina Nuova, alta 26 metri, che rimanda proprio alle luminarie usate per le feste ed è diventata ben presto il simbolo dell’intera valle del Belice.

Di grande attrazione poi la Montagna di Sale di Mimmo Paladino, un cumulo di cemento, vetroresina e pietrisco dove sono stati inseriti trenta cavalli di legno posti in posizioni diverse.

Sulla sommità di una collina è stata costruita la nuova chiesa parrocchiale di Gibellina, la Chiesa Madre progettata da Ludovico Quaroni e Luisa Anversa con al centro una grande sfera liscia in cemento.

Sulla Piazza del Comune gli architetti Vittorio Gregotti e Giuseppe Samonà hanno progettato un lungo portico con alle pareti le ceramiche realizzate da Carla Accardi.

Nello stesso luogo si trovano così La torre di Alessandro Mendini, che quattro volte al giorno emette un mix di suoni ripresi dalle vie di Gibellina Vecchia prima del terremoto, la Città del sole di Mimmo Rotella in Travertino e La città di Tebe di Pietro Consagra in metallo chiaro.

Passeggiando per Gibellina nuova il visitatore si imbatte anche in opere di Mario Schifano, Andrea Cascella, Arnaldo Pomodoro, Franco Angeli e Leonardo Sciascia, Giuseppe Uncini. Ci sono poi installazioni di Fausto Melotti, Carmelo Cappello, Nino Franchina, Daniel Spoerri, Giuseppe  Spagnulo, Colla, Carlo Ciussi, Emilio Isgrò, Salvatore Messina e molti altri ancora.

(https://luoghidelcontemporaneo.beniculturali.it/gibellina-nuova )

 

GIARDINO INCANTATO DELLE TESTE (SCIACCA – AGRIGENTO)

Il Castello Incantato di Filippo Bentivegna, si trova a Sciacca, in provincia di Agrigento.

Il giardino nacque dalla mano artistica di Filippo Bentivegna che per oltre 50 anni ha scolpito all’interno della sua proprietà oltre 20.000 teste.

Queste opere sono ovunque negli alberi, nelle rocce e sulle pietre di Sciacca.

L’atmosfera all’interno del castello è a dir poco surreale e, non per niente, si è guadagnato l’aggettivo “incantato” e nel 2015 il titolo di luogo di interesse storico.

Il giardino si trova alle falde del Monte Kronio a pochi dal centro di Sciacca.

(https://www.agrigentonotizie.it/attualita/castello-incantato-sciacca-teste-filippo-bentivegna.html )

 

TEATRO DI ANDROMEDA (SANTO STEFANO DI QUISQUINA – AGRIGENTO)

Situato nei Monti Sicani, il “Teatro di Andromeda” è un luogo sorprendente e unico costruito con cura e dedizione da un pastore locale, nel corso di trent’anni.

Questo teatro-scultura all’aperto è realizzato interamente con pietre e si trova incastonato nel cuore dei Monti Sicani.

Le sculture in pietra che decorano l’ingresso si fondono armoniosamente con il paesaggio circostante, creando un’atmosfera magica e misteriosa.

Il palco del Teatro di Andromeda si affaccia su una vallata suggestiva, mentre gli spalti sono costituiti da 108 cubi di pietra disposti in modo strategico, in omaggio alla costellazione di Andromeda.

La continua evoluzione di questa straordinaria opera d’arte la rende ancora più affascinante e attraente per i visitatori, facendolo entrate così a pieno titolo tra i Parchi d’arte Land Art Sicilia.

(https://www.teatroandromeda.it )

 

INSTALLAZIONE  AREA GROTTE DELLA GURFA (ALIA – PALERMO)

L’artista palermitano Croce Taravella ha voluto evocare il sito archeologico delle grotte di Gurfa in comune di Alia con la creazione di un’installazione/scultura di circa duecento metri quadrati, perché la città venisse riqualificata attraverso l’arte contemporanea.

Un patrimonio inestimabile valorizza il Belvedere di Alia, con cinque grandi pannelli autoportanti e adagiati sulla roccia in altorilievo.

Un progetto voluto dall’amministrazione comunale, legato alla storia e al mito delle Grotte della Gurfa.

(http://www.comune.alia.pa.it/index.php/it/8-pagine/71-grotte-della-gurfa )

 

Focus cultura è la nuova sezione di Pikasus ArteNews che invita alla riflessione sul valore dell’arte, in tutte le forme espressive del pensiero e della creatività umana. Focus indaga il ruolo e il contributo fondamentale dell’arte per uno sviluppo equilibrato, sostenibile e “umano” della società. Le materie saranno le più varie, dalla presentazione di riviste specializzate anche di nicchia, alla recensione di libri, ad ogni altra iniziativa che nasca da donne e uomini creativi ispirati e capaci di formulare ipotesi coraggiose per il bene comune

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.