Berlin Biennale 12^ Berlin Biennale for Contemporary Art “Still present”

Fondata nel 1996, la Biennale d’Arte Contemporanea di Berlino è diventata uno dei più importanti forum internazionali per l’arte contemporanea.

Berlin Biennale 12^ Berlin Biennale for Contemporary Art “Still present”

 

 

Dalla sua fondazione nel 1996, la Biennale d’Arte Contemporanea di Berlino è diventata uno dei più importanti forum internazionali per l’arte contemporanea.

Ogni edizione riunisce le posizioni attuali più influenti di artisti, teorici e professionisti provenienti da una varietà di campi in una delle città culturalmente più progressiste d’Europa.

La Biennale di Berlino si svolge ogni due anni in diverse località di Berlino e per l’edizione del 2022 si distribuisce su sei sedi.

Promuove formati sperimentali e fornisce ai curatori designati lo spazio e la libertà per presentare le ultime posizioni rilevanti e stimolanti indipendentemente dal mercato dell’arte e dagli interessi della collezione.

La partecipazione alla mostra ha contribuito al raggiungimento di uno status internazionale di numerosi giovani artisti.

La dodicesima Biennale di Berlino per l’arte contemporanea è curata da Kader Attia, artista francese nato nel 1970 che è stato scelto, pur essendo artista, per l’ampia attività di ricerca storica e teorica che precede tutte le sue opere.

Come artista, pensatore e attivista, Attia è stato particolarmente impegnato con il concetto di RIPARAZIONE, prima di oggetti e lesioni fisiche, e poi di traumi individuali e sociali.

Con questa esperienza ha assegnato alla biennale il titolo Still present.

Artisti provenienti da ogni parte del mondo sono stati chiamati a confrontarsi con questo tema e a confrontarsi con i lasciti della modernità e il conseguente stato di emergenza planetaria.

I loro contributi rivelano connessioni tra colonialismo, fascismo e imperialismo e propongono strategie decoloniali per il futuro, orientate attorno a una serie di domande:

  • come si può plasmare un’ecologia decoloniale?
  • Quale ruolo possono svolgere i movimenti femministi non occidentali nella riappropriazione delle narrazioni storiche?
  • Come reinventare il dibattito sulla restituzione al di là della restituzione dei beni depredati? I
  • l campo dell’emozione può essere recuperato attraverso l’arte?

 

Notevole è il numero degli artisti presenti alla 12 ^ Biennale di Berlino, vari per provenienza, età stili e media impiegati.

L’elenco completo è pubblicato in https://12.berlinbiennale.de/artists .

Il suo programma di Biennale coinvolge i contributori e il pubblico in una conversazione critica, al fine di trovare insieme il modo di prendersi cura del presente.

Accanto alle mostre, infatti, è ricco il programma di tour tematici, workshop, spettacoli e proiezioni di film, una serie di conferenze tutte dirette a riflettere su come il colonialismo e l’imperialismo continuano ad operare nel presente. (il programma è pubblicato integralmente sul https://12.berlinbiennale.de/program).

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.