Shozo Shimamoto. Grandi opere

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito

- DATA INIZIO: 18/09/2021

- DATA FINE: 07/01/2022

- LUOGO: FOLIGNO – Centro Italiano Arte Contemporanea/CIAC

- INDIRIZZO: Via del campanile, 13

Shimamoto ha partecipato al gruppo Gutai una delle massime espressioni di libertà manifestatesi in Giappone dall’orizzonte artistico novecentesco

Shozo Shimamoto. Grandi opere

 

Back to school concept with chalkboard, books and pencils

 

CIAC – Centro Italiano d’Arte Contemporanea nasce nel 2009 nel centro storico di Foligno, nello spazio precedentemente occupato prima dalla Centrale del Latte e poi da un Ufficio Postale.

Lo Spazio espositivo si configura oggi come un complesso architettonico costituito da un parallelepipedo rivestito in acciaio corten.

CIAC è diventato negli anni un centro di promozione culturale per la creatività e per l’arte contemporanea nazionale e internazionale, proponendo un ricco programma annuale di mostre temporanee, convegni, conferenze e proiezioni.

CIAC inaugura nei suoi spazi il 18 settembre una mostra retrospettiva dell’artista giapponese Shozo Shimamoto [Osaka, 22 gennaio 1928 – 25 gennaio 2013].

La mostra vuol offrire uno sguardo attento e completo sul percorso del maestro giapponese, dalle prime innovative sperimentazioni degli anni ‘40 e ’50, fino alle performance degli ultimi anni.

La retrospettiva di Foligno intende evidenziare la grandezza della superficie pittorica su cui l’artista ha sempre agito, rendendo la dimensione dell’opera elemento che non ne costituisce la totale pienezza, ma confine da superare, a favore di una sempre più ampia visione della dirompente materialità.

Tele che misurano dai quattro ai dieci metri fanno entrare il visitatore in un percorso che dal colore si addentra al più profondo significato che sprigiona l’opera d’arte in un processo di creazione che va al di là di uno spazio definito.

La sua avventura artistica ha avuto inizio in una piccola città del Giappone dove l’artista ha avviato un lavoro creativo assieme ad altri artisti .

In un giardino pubblico essi realizzavano opere frutto di un’attività performativa nella quale il fare l’opera è sincronico al contemplare del pubblico, con tutte le interferenze di un evento in diretta.

Allontanandosi dalla tradizione surrealista e dagli stimoli di Duchamp, il gruppo di artisti Gutai si afferma, gridando in nome di una nuova creatività che cede all’impulso.

ORARI DI APERTURA

  • 10.30-12.30/16.00-19.00
  • Contattare preventivamente il Centro per la visita
  • Per prenotazioni via WhatsApp al numero 3408678214

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.