SHINHANGA – La nuova onda delle stampe giapponesi

- DATA INIZIO: 08/03/2024

- DATA FINE: 30/06/2024

- LUOGO: TORINO – Palazzo Barolo

- INDIRIZZO: Via delle Orfane, 7

- TEL: +39 0112636111

Shinhanga/Nuova xilografia è il riflesso artistico di un periodo straordinario del Giappone contemporaneo caratterizzato da un’atmosfera di estrema libertà e fermento culturale

Palazzo Barolo di Torino propone la mostra SHINHANGA – La nuova onda delle stampe giapponesi, fino al 30 giugno

 

Palazzo Barolo di Torino propone la mostra SHINHANGA – La nuova onda delle stampe giapponesi, fino al 30 giugno
Locandina

 

Palazzo Barolo è prima di tutto una delle più importanti dimore nobiliari barocche della Città di Torino.

Oggi, dopo un’attenta ristrutturazione, il Palazzo è sede della Fondazione Tancredi Barolo ed è possibile visitare i suoi appartamenti e il patrimonio di opere d’arte oltre alle mostre temporanee allestite nei suoi prestigiosi locali.

Dall’8 marzo 2024 il palazzo ospita la mostra SHINHANGA – La nuova onda delle stampe giapponesi.

Per la prima volta in Italia una mostra sull’arte degli shinhanga, una straordinaria opportunità di immergersi nella bellezza e nella malinconia di un movimento artistico che all’inizio del XX secolo ha rivoluzionato la tradizionale stampa giapponese ukiyoe, fondendo elementi classici con la sensibilità modernista.

Shinhanga, letteralmente “la nuova xilografia” è il movimento nato ufficialmente nel 1916 grazie all’opera di artisti come Itō Shinsui e Kawase Hasui, che allontanandosi dai soggetti della corrente dell’ukiyoe (iconici paesaggi raffiguranti località celebri, famose geisha o personaggi legati al mondo dei teatri più in voga) prediligono invece scorci caratteristici della provincia rurale o dei sobborghi cittadini, non ancora raggiunti dalla modernizzazione, quali rovine, templi antichi, immagini campestri, scene notturne illuminate dalla luna piena e dalle luci dei lampioni.

A queste vedute impressionistiche si aggiungono ben presto nuovi tipi di bijinga, i ritratti femminili, adesso non più dedicati a modelli celebri e irraggiungibili, ma alle donne dei tempi moderni, ritratte nella loro quotidianità, mentre si acconciano i capelli o si applicano il trucco, giovani dai cui occhi trapelano emozioni, sogni e rimpianti.

L’esposizione vanta oltre 80 opere originali di alcuni dei più celebri maestri shinhanga, tra cui Itō Shinsui, Kawase Hasui e Hashiguchi Goyō, che ritraendo paesaggi dai colori vibranti e splendide figure femminili hanno saputo catturare l’essenza del paesaggio e dei fermenti del Giappone di quegli anni con quel tocco di nostalgia che accompagna la scomparsa di un mondo minacciato dal progresso.

Attraverso l’esposizione di opere magistrali mai viste in Italia, provenienti da collezioni private e dalla Japanese Gallery Kensington di Londra, ma anche preziosi kimono, fotografie storiche e oggetti d’arredo, la mostra celebra la continuità e l’evoluzione della tradizione artistica giapponese, mostrando come il movimento shinhanga abbia saputo preservare le tecniche secolari dell’incisione su legno pur introducendo prospettive innovative e influenze d’oltreoceano.

ORARI DI APERTURA

  • martedì > venerdì 10.00 – 12.30 / 15.00 – 17.30;
  • sabato e domenica 15.00 – 18.30.

INFO

VALERIO ADAMI. Pittore di idee
VALERIO ADAMI. Pittore di idee
Posted on
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
Posted on
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
Posted on
MARINO MARINI. Arcane fantasie
MARINO MARINI. Arcane fantasie
Posted on
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion
Posted on
Previous
Next
VALERIO ADAMI. Pittore di idee
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
MARINO MARINI. Arcane fantasie
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.