Riccarda Bianco: 1 Paesaggio marino – vortice / 2 Paesaggio marino – fuggono tutti

Le due opere, datate entrambe 2019, fanno parte della serie VISIONI

Le due opere fanno parte della cartella VISIONI e nascono da un desiderio dell’artista di immaginare il fondo marino come l’ambiente da cui ha avuto inizio la vita stessa

Riccarda Bianco: 1 Paesaggio marino – vortice / 2 Paesaggio marino – fuggono tutti

 

 

Le opere

  1. Paesaggio marino- vortice
  2. Paesaggio marino – fuggono tutti

Le due opere, datate entrambe 2019, fanno parte della serie VISIONI
Supporto 1 e 2: carta 32.5 x 50
Tecnica 1 e 2: colori acrilici, inchiostro china e cera

 

Le due opere fanno parte della cartella VISIONI e nascono da un desiderio dell’artista di immaginare il fondo marino come l’ambiente da cui ha avuto inizio la vita stessa.

Il tema della rappresentazione del paesaggio marino era già stato presente in una serie di opere su tela di maggiori dimensioni (Fluttuando), che l’artista aveva realizzato nel 2011 con atmosfere surreali e tema rivolto prevalentemente ai giochi di luce e colori della flora marina.

In queste opere il fondo marino è visto invece  come un insieme di colori senza forme, quasi enormi amebe, che si allargano in forme irregolari occupando il centro della scena.

Su questa “vita” irregolare e informe si sovrappongono dei segni decisi a china che esprimono tutta la tensione della vita di oggi, costretta ad un continuo movimento che ti cattura, come un vortice o ti respinge, in fuga, senza direzione precisa.

Il contrasto dei colori crea un’atmosfera che ben può rappresentare metaforicamente le condizioni di un vivere incerto e senza riferimenti precisi.

La lavorazione finale a cera fusa dona alle due carte fluidità e luminosità particolare.

 

Catalogo generale

  1. Paesaggio marino – vortice / n. 412 cat. (varie su carta)
  2. Paesaggio marino – fuggono tutti / n. 420 cat. (varie su carta)

 

Collocazione opere

  • LUOGO: Cartella H Visioni PIKASUS
  • INDIRIZZO: Fossalta di Portogruaro (VE)

Continua la presentazione di una selezione di opere dell’artista Riccarda Bianco, secondo un percorso libero e casuale, non necessariamente legato alla cronologia o alla tecnica o alle tematiche del lavoro

  • Profilo

Riccarda Bianco (1949) artista autodidatta che da trent’anni si dedica con intensità a lavori che esprimono la sua creatività nelle tecniche più varie.
La sua sperimentazione continua è manifestazione della volontà di recuperare il tempo passato in altra attività lavorativa, per esprimere con l’arte la propria dimensione interiore in modo completo.
Lavora spesso di notte, memore di quando l’impegno lavorativo giornaliero in reparto ospedaliero non le permetteva di sviluppare la su ricerca artistica alla luce del sole.
Si è dedicata alla scultura in argilla, alla pittura ad olio, acrilico e tempera, ai collages con materiali vari e, ultimamente, si è perfezionata in opere d’arte calligrafica dove poter esprimere la sua personalità forte di una tecnica raffinata, acquisita con un lungo periodo di formazione.
Lavora in ogni caso d’istinto “gettando” nell’opera tutte le sue tensioni interiori, le passioni ma anche i sentimenti positivi che accompagnano la sua esperienza umana.
Questa sua continua ricerca e sperimentazione ha prodotto opere che vengono raggruppate in serie, che sono sempre espressioni di soluzioni stilistiche particolari o sensazioni interiori forti.

 

  • Le opere
  1. Paesaggio marino- vortice
  2. Paesaggio marino – fuggono tutti

Le due opere, datate entrambe 2019, fanno parte della serie VISIONI

Supporto 1 e 2: carta 32.5 x 50

Tecnica 1 e 2: colori acrilici, inchiostro china e cera

GUIDO MOCAFICO. Serpens
GUIDO MOCAFICO. Serpens
Posted on
CONTEMPORANEA.  Capolavori dalle collezioni di Parma
CONTEMPORANEA. Capolavori dalle collezioni di Parma
Posted on
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
Posted on
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
Posted on
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro
Posted on
Previous
Next
GUIDO MOCAFICO. Serpens
CONTEMPORANEA. Capolavori dalle collezioni di Parma
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.