Pino Bertelli – Francesco Mazza | Questo è il Sud La 19° Buca, Piazza V. Veneto -75100- Matera

Mat 2019. Coscienza dell’Uomo. Coscienza dell’Uomo, al via il terzo trimestre.

Pino Bertelli – Francesco Mazza | Questo è il Sud

Dal 4 luglio al 30 settembre
Orari: 10:30-12:30 16:30-19:30
Inaugurazione: 4 luglio ore 18:30

Comunicato Stampa 4 luglio 2019

 

 

Pino Bertelli - Francesco Mazza | Questo è il Sud
Pino Bertelli – Francesco Mazza | Questo è il Sud

 

Coscienza dell’Uomo, al via il terzo trimestre. Dopo sei mesi di intensa attività, prosegue il progetto fotografico, realizzato nell’ambito di Matera 2019, dedicato al mondo della fotografia d’autore.

Si parte il 4 luglio alle 18.30 con l’inaugurazione della prima delle dieci mostre in programma, “Questo è il Sud” di Francesco Mazza e Pino Bertelli.

La 19° Buca, in piazza Veneto, ospiterà fino al 30 settembre il lavoro dei due autori che, attraverso 40 scatti circa, hanno un desiderio: presentare all’Italia e al mondo una Calabria nuova.

La mostra nasce dall’idea di portare a Matera le foto realizzate da Pino Bertelli, in collaborazione con Francesco Mazza, per “Genti di Calabria. Atlante fotografico di geografia umana”, un lavoro del 2015 e pubblicato nel 2017, che ha avuto notevole risonanza nel panorama fotografico e culturale italiano non solo per la qualità delle immagini, di indiscutibile bellezza, ma soprattutto per l’originalità dell’idea. Non luoghi, ma persone. Non le linee dei paesaggi, ma quelle dei volti. Non tanto tecnica e stile, ma sentimento. Perché, come scrivono gli autori, a loro “non interessa nulla della fotografia corrente, civile, impegnata, democratica, mercantile, amatoriale, ecc.. ciò che importa è lavorare sull’immaginario dal vero, raccontare l’uomo o la donna non per quello che si vedono ma per quello che sono e come stanno al mondo”.

Considerato fotografo di strada, molto vicino a Pasolini, e convinto sostenitore della fotografia intesa come strumento per dare voce alle persone che incontra, Bertelli si avvicina alla Calabria con l’obiettivo di mettere da parte i pregiudizi sul Sud e realizzare un proprio personale racconto. Come? Girando a fondo, da nord a sud, da est a ovest le terre tra i due mari, incontrando la gente che le abita per scattare una fotografia che nascesse non da una posa ma da un movimento, da un incontro di anime, da uno scambio di idee. A lui non interessava fotografare le bellezze paesaggistiche. Premeva, piuttosto, raccontare il pensiero della Calabria. Cercare storie e persone da amare. Voleva capire cosa ci fosse di fondato in ciò che si diceva, quanto fossero verità quelle accuse di ignoranza e arretratezza, non solo economica, ma anche mentale di cui il popolo calabrese veniva, da sempre, tacciato. La scoperta è stata sensazionale. Nulla, o quasi, era vero.

Un’idea vincente, nata quasi per gioco insieme a Francesco Mazza, regista e fotografo, che da calabrese aveva da sempre una necessità: “dimostrare di essere diverso da quello che si è, da quello che il mondo pensa di te”. Dalle idee ai fatti, il passo è stato breve. L’occasione era irrinunciabile.

Telecamera e macchina fotografica in mano, gli autori attraversano la Calabria in cerca della sua verità. La verità fatta di gente che ha qualcosa da dire, se non da insegnare. Ma cosa dovrebbe mai insegnare all’Italia una regione che nell’immaginario collettivo è sinonimo di povertà, miseria, fatiscenza e, talvolta, ignoranza? La risposta viene dalle persone ed è una: l’autenticità. Quel qualcosa che oggi è raro incontrare in uomini e donne sempre più affannate alla ricerca della ricchezza materiale e del successo. La gente del Sud è quella che delinque, secondo i tanti, che vive a pane e ‘ndrangheta, che beve acqua e mangia ignoranza. Eppure c’è qualcosa di affascinante in quei visi ora rugosi di saggezza, ora freschi di gioventù. C’è la magia della sincerità.

Ad accompagnare l’allestimento della mostra la proiezione del docufilm “I colori del cielo”, girato durante la realizzazione di Genti di Calabria, con la collaborazione di Paola Grillo e Anna Maria Corea, che aggiunge un elemento in più per comprendere a fondo il senso del progetto proposto. Ripercorrendo i passi di Pasolini nel suo “Comizi d’amore”, Bertelli gira cento interviste per scavare a fondo nell’animo e nel cuore dei calabresi che, davanti all’obiettivo, mettono a nudo i loro sogni, le loro idee, le opinioni, le speranze e le delusioni. Dalla famiglia, al lavoro, dalla politica all’attualità, in 60 minuti circa i calabresi si scoprono aperti, socievoli, generosi, nostalgici, anche bacchettoni o pessimisti, spesso moderni. Sì, moderni.

Perché la gente del Sud è capace di cogliere i cambiamenti sociali, nonostante il suo modo di vivere appartato, è pronta ad osservare il mondo che cambia e cerca, suo malgrado, di cambiare anche lei. Così non è vero che in Calabria l’omosessualità è sempre un tabù, che la fatica è cosa rara e l’ozio una virtù. La gente del Sud è anche quella che si spacca la schiena perché crede nel valore del lavoro onesto, dei soldi sudati. E crede, nonostante tutto, in quel riscatto che tarda ad arrivare.

I calabresi si scoprono finalmente uguali agli altri, belli come gli altri, forse più affascinanti per quella corteccia dura e rugosa, quell’aspetto antico, elegante e magari fuori moda, che racchiude una mentalità aperta e desiderosa di conoscere il mondo, abbracciarlo se possibile, incontrare i suoi popoli e condividere con essi un raccolto, una tavola, una casa. Sono abituati ad accogliere e rispettare, non a discriminare, chi viene da lontano, chi vive un amore “diverso”, chi parla una lingua diversa, chi è del sesso diverso.

Questo è il Sud per Mazza e Bertelli, e questo vorrebbe essere il Sud anche per chi avrà la possibilità di confrontarsi con gli scatti proposti.

Gli autori
Pino Bertelli è nato in una città-fabbrica della Toscana, tra Il mio corpo ti scalderà e Roma città aperta. Dottore in niente, fotografo di strada, film-maker, critico di cinema e fotografia. I suoi lavori sono affabulati su tematiche della diversità, dell’emarginazione, dell’accoglienza, della migrazione, della libertà, dell’amore dell’uomo per l’uomo come utopia possibile. È uno dei punti centrali della critica radicale neo-situazionista italiana.

Francesco Mazza nasce e vive in Calabria, regista, produttore, film-Maker, curatore di mostre, concorsi e workshop fotografici. Non ancora ventenne con una cinepresa è una moviola super/8 riprende e racconta storie, erano matrimoni. La sua passione per il cinema nasce insieme alla sua attività imprenditoriale, tra le prime in Italia, di noleggio film super8. Fonda così la Cine Sud. Come regista ha sempre cercato di riportare sulla pellicola le cose che più gli stanno a cuore: il vero e la bellezza.

Contatti:
Mail: Presspartnerscommunication@gmail.com
Francesco Gattuso +39 3356786974

Leave a Comment

The Accuser, Delhi, India, 1955 © Lucien Hervé, Paris

LUCIEN HERVÉ: GEOMETRY OF LIGHT

La Jacopic Gallery di Lubiana fino al 29 settembre una retrospettiva dei Lucien Hervé LUCIEN HERVÉ: GEOMETRY OF LIGHT LUBIANA – Jacopic gallery. Slovenska cesta 9, Lubiana 1000, Slovenia Fino al 29 settembre   Jacopic Gallery di Lubiana Non lontana

Leggi Tutto »
Nathalie-Du-Pasquier-painting-100x150.-2006.-Courtesy-GfZK-Leipzig

Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura

La mostra aperta fino al 29 settembre a Lipsia è un omaggio ad un’artista, pittrice, scultrice, designer Nathalie du Pasquier da Memphis alla pittura LIPSIA – GfZK-Galerie für Zeitgenössische Kunst Karl-Tauchnitz-Straße 9-11, 04107 Leipzig, Germania Fino al 29 settembre 2019

Leggi Tutto »
Markku Keränen, Kesäkerroin / Summer Bonus, 2017, Tempera, 120 x 240 cm / 47.24 x 94.49 inches MKER_012

MARKKU KERANEN (HELSINKI – Galerie Forsblom)

Fino al 22 settembre la Galleria Galerie Forsblom presenta una mostra personale di Markku Keränen MARKKU KERANEN HELSINKI – Galerie Forsblom Lönnrotinkatu 5 / Yrjönkatu 22 – 00120 Helsinki, Finlandia Fino al 22 settembre 2019     Kaj Forsblom, la

Leggi Tutto »
Matthew Kirk - Mountain Skin

HILARY PECIS e MATTHEW KIRK

Dal 31 agosto e fino al 5 ottobre degli artisti Hilary Pecis e Matthew Kirk HILARY PECIS e MATTHEW KIRK Halsey McKay Gallery 79 Newtown Lane, East Hampton – NY 11937 New York, USA Dal 31 agosto al 5 ottobre

Leggi Tutto »
Ruth Ewan, Back to the Field, 2015Vue de son exposition au Camden Arts Centre , Londres, 2015Courtesy de l'artiste et de Rob Tufnell Londres/Cologne © Marcus Leith

RUTH EWAN – RAINS, IT RAINS

Lo spazio centrale del CAPC ospita la prima mostra monografica in Francia dell’artista scozzese Ruth EWAN RUTH EWAN – RAINS IT RAINS BORDEAUX   – Musée d’art contemporain (CAPC), 7 Rue Ferrere Bordeaux, 33000 – France Fino al 22 settembre 2019

Leggi Tutto »