Momenti di Moda a Palazzo Morando. Dal busto alla salopette

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 17/09/2022

- LUOGO: MILANO – Palazzo Morando

- INDIRIZZO: Via Sant'Andrea, 6 - 20121 Milano

- TEL: +39 02 884 65735

Una mostra nata con lo scopo di valorizzare le collezioni del museo di Palazzo Morando Costume Moda Immagine.

Momenti di Moda a Palazzo Morando. Dal busto alla salopette

 

 

Dal 2010 Palazzo Morando riserva alcune sale del primo piano al museo Costume Moda Immagine, esposizione a rotazione del ricco patrimonio di costumi, abiti e accessori del Comune di Milano databili tra il XVII e il XXI secolo.

Le mostre di abiti, limitate per motivi conservativi a particolari momenti dell’anno, vogliono rendere conto della peculiarità della collezione e del lavoro di riordino e di catalogazione dei depositi tuttora in corso.

Negli ultimi anni la raccolta è stata incrementata grazie a donazioni e acquisti mirati che hanno consentito di arricchire il patrimonio con grandi nomi della moda italiana e internazionale.

Si è inaugurata il 17 settembre 2022 Momenti di Moda a Palazzo Morando. Dal busto alla salopette, un percorso in sette tappe che attraverso le trasformazioni della moda racconta l’emancipazione femminile da un singolare punto di vista.

La finalità della mostra è innanzitutto valorizzare le raccolte del museo.

La collezione del Comune di Milano comprende al momento oltre 6.000 pezzi tra abiti e accessori dal XVI al XXI secolo, un patrimonio che permette di fare ricerche e allestire mostre su temi ogni volta diversi, ma anche di contribuire, attraverso prestiti, alla realizzazione di prestigiose mostre di moda in Italia e all’estero.

Con Momenti di Moda si è scelto di offrire ai visitatori un breve viaggio attraverso le numerose e radicali trasformazioni della moda del Novecento raccontate dagli abiti e dagli accessori del Museo, selezionati fra quelli esposti solo negli anni ’80 o del tutto inediti.

Le sette sintetiche tappe del percorso prendono le mosse agli inizi del secolo con il busto, un capo d’abbigliamento ancora considerato fondamentale, ma la cui eliminazione sarà uno dei primi effetti dell’emancipazione femminile.

Dopo essere passato attraverso le flapper, giovani donne disinvolte degli anni ’20, l’eleganza dei ’30, le difficoltà della Seconda guerra mondiale e la grande sartoria degli anni ’50, il percorso termina con la nascita del prêt à porter italiano negli anni ’70 e una salopette scelta come simbolo delle mode giovanili del periodo.

A collegare il viaggio nella storia della moda al tema delle collezioni del Museo, un completo del 1963 di Mary Quant donato nel 1981 dalla designer inglese “al costituendo museo della moda di Milano”.

La mostra, a cura di Enrica Morini, Margherita Rosina e Ilaria De Palma, è anche un’occasione per arricchire le proprie collezioni attraverso la donazione di nuovi capi e il catalogo on line, in continuo ampliamento, ma anche un prezioso momento di studio interdisciplinare su una parte del suo patrimonio.

Della mostra non è indicata la data di chiusura.

ORARI DI APERTURA

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.