MIMMO PALADINO. Il tema dei fiori

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 03/12/2022

- DATA FINE: 31/01/2023

- LUOGO: MODENA – Galleria Mazzoli

- INDIRIZZO: Via Nazario Sauro 64

- TEL: +39 059 243455

Torna a Modena Mimmo Paladino e propone fiori che germogliano, fiori che si amalgamano a corpi antropomorfi arcani, fiori che persistono e fiori che si dissolvono; fiori che lievitano verticalmente e altri che compiono viaggi imperscrutabili.

MIMMO PALADINO. Il tema dei fiori

 

 

MODENA – Galleria Mazzoli Via Nazario Sauro 64

Dal 03/12/2022 al 31/01/2023

Dal 3 dicembre 2022 la galleria Mazzoli di Modena ospita la mostra Il tema dei fiori dell’artista campano Mimmo Paladino.

Nato a Paduli in provincia di Benevento nel 1948 Mimmo Paladino negli anni ’60 resta affascinato dal clima culturale dell’epoca tra arte concettuale e Pop Art americana, si avvicina all’arte.

Dalle iniziali sperimentazioni concettuali l’artista trasferisce poi la propria attenzione sulla pittura figurativa.

Nel 1980 partecipa alla Biennale di Venezia nella sezione Aperto ’80, dove viene ufficialmente presentata da Achille Bonito Oliva la Transavanguardia.

Nel corso degli anni ’80 la sua iconografia poetica prende forma, su tele di grandi dimensioni ricche di figure allegoriche, l’artista raffigura maschere inespressive, animali, simboli ricchi di evocazioni rituali primitivi.

Con Il tema dei fiori L’artista torna ad esporre alla Galleria Mazzoli dopo la mostra EN DE RE del 1980, la personale del 1992, con Alighiero Boetti del 1993, Vasi Ermetici del 1994 e le mostre personali del 2012 e del 2014, proponendo un ciclo di opere inedite in cui sono protagonisti i fiori, soggetto ricorrente in tutta la storia dell’arte, dall’antichità fino ai nostri giorni.

Paladino realizza per questa mostra sia opere di grandi dimensioni che piccoli dipinti in cui convivono pittura, scultura, incisione e disegno e in cui campeggiano le sue teste, la figura umana e le sue classiche figure geometriche delineate con segni primordiali, opere in cui si percepisce il dialogo tra l’uomo e la natura attraverso le stratificazioni materiche e gli elementi floreali immersi nell’immaginario poetico dell’artista.

ORARI DI APERTURA

  • Lunedì > sabato 09.00 – 13.00 / 16.00 – 19.30

INFO

GUIDO MOCAFICO. Serpens
GUIDO MOCAFICO. Serpens
Posted on
CONTEMPORANEA.  Capolavori dalle collezioni di Parma
CONTEMPORANEA. Capolavori dalle collezioni di Parma
Posted on
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
Posted on
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
Posted on
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro
Posted on
Previous
Next
GUIDO MOCAFICO. Serpens
CONTEMPORANEA. Capolavori dalle collezioni di Parma
FRANCO MARIA RICCI. L’Opera al Nero
Il catalogo del mondo: Plinio il Vecchio e la Storia della Natura
LA BIENNALE DELLO STRETTO seconda edizione 2024. Le tre linee d’acqua – Le città del futuro

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.