Marie Matusz: Lonely Daters

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 22/09/2022

- DATA FINE: 18/11/2022

- LUOGO: MILANO - Clima

- INDIRIZZO: Via Alessandro Stradella 5

- TEL: +39 329 8849781

Marie Matusz crea ambienti emotivi con l’insieme delle sue sculture e dei suoi interventi nello spazio.

Marie Matusz: Lonely Daters

 

 

La Galleria Clima di Milano presenta dal 22 settembre la prima mostra personale con la Galleria dell’artista francese Marie Matusz (Toulouse, 1994). dal titolo Lonely Daters.

La mostra mette assieme un gruppo di sculture e interventi spaziali di Matusz in un ambiente emotivo, stratificando superfici e potenziali letture di oggetti attraverso il loro posizionamento nello spazio.

Il rifiuto di una semplice figurazione fornisce un diverso potenziale mezzo di comprensione, aprendo le sculture ad essere scrutate dalle loro superfici fino al loro nucleo, dall’esperienza e dal significato al riferimento, districando così il processo ipotizzato di ” significato”.

Sculture in vetro soffiato a forma di clessidra riflettono la stanza e lo spettatore, lo specchio e la Vanitas.

Nessuna sabbia li attraversa: è come se la funzione ausiliaria dell’installazione fosse quella di rendere evidente come il nostro apparato sensuale sia ora attivo e funzionante, funzionante correttamente, continuamente associato.

Le superfici dei tanti oggetti appesi alle pareti della galleria sono state trattate, graffiate ed esposte alla luce solare, invocando il pennello come agente dell’esistenza.

Ci sono le sculture esposte in vetrine che riducono la visibilità.

Ma è una scelta ben ponderata.

Gli oggetti racchiusi nelle vetrine funzionano come potenziali: un mobile, un palcoscenico, uno strumento.

D’altra parte, le opere qui mostrano ciò che potrebbe essere stato una volta lì e ciò che da allora è scomparso: un potenziale ex negativo, uno spazio vuoto.

L’esecuzione di questo svuotamento dell’esperienza della mostra potrebbe lasciare il posto a uno strato più affettivo della percezione: poiché “il significato è”, secondo Franco Bifo Beradi, “non una presenza, ma un’esperienza” idealmente condivisa: l’esterno che guarda dentro e l’interno che guarda fuori, come camminare nei panni di qualcun altro.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > sabato 11.30 – 13.30 / 14.30 – 19.30

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.