Viewing Room e mostre virtuali n. 75

GALLERIA CONTINUA XXL ONLINE (San Gimignano IT) Mostra: SUN YUAN & PENG YU PRESENT “CAN’T HELP MYSELF”

L’ARTE AI TEMPI DEL COVID-19 MOSTRE ONLINE n. 75

 

Teenager Teenager 2011, simulation of sculpture, sofa, simulation of stone. Photo: Ela Bialkowska, OKNO Studio
Teenager Teenager 2011, simulation of sculpture, sofa, simulation of stone. Photo: Ela Bialkowska, OKNO Studio

 

  1. FLOWERS GALLERY Viewing ROOM (LONDRA)

Mostra: Prunella Clough

Fino al  21 giugno 2020

Flowers Gallery  è una galleria londinese fondata nel 1970, con sedi anche a New York e Hong Kong.

La galleri rappresenta più di 50 artisti di artisti internazionali, attivi con tutti gli strumenti di realizzazione artistica..

Negli ultimi cinquant’anni la galleria ha presentato oltre 900 mostre nelle sue sedi, supportando anche la produzione di pubblicazioni e la presentazione di opere degli artisti in fiere d’arte, gallerie pubbliche, musei e istituzioni in tutto il mondo.

Ora propone in Viewing Room  una mostra    dell’artista bitannica Prunella Clough (1919-1999)

L’artista, una delle pittrici britanniche più importanti della seconda metà del Novecento, iniziò a rappresentare la bellezza nascosta dei paesaggi industriali della sua terra.

Poi ha spostato la sua attenzione   sulle scene urbane post-industriali di Negozi e mercati d’angolo di Londra o bancarelle di souvenir in decadenti località balneari.

https://www.galleriesnow.net/gallery/flowers/

sito galleria: http://www.flowersgallery.com/

 

  1. GAGOSIAN online (Los Angeles)

Mostra Broadcast: Alternate Meanings in Film: Chapter Two

Fino al 22 giugno 2020

Larry Gagosian ha aperto la sua prima galleria a Los Angeles,  nel 1980.

In trent’anni la Gagosian Gallery si è evoluta in una rete globale con sedici spazi espositivi a New York, Los Angeles, San Francisco, Londra, Parigi, Roma, Atene, Ginevra e Hong Kong, progettati da architetti di fama mondiale tra cui Caruso St John, Richard Gluckman, Richard Meier, Jean Nouvel, Selldorf Architects e wHY Architecture.

Broadcast: significati alternativi in film e video impiega l’innata immediatezza dell’arte basata sul tempo per innescare la riflessione sul qui e ora.

Il progetto espositivo guarda alla fine degli anni ’60 – un momento storico segnato da profonda incertezza, disordini sociali e trasformazioni radicali

Questa mostra,  capitolo secondo, propone il mantra di Timothy Leary “accendi, sintonizzati, abbandona” come guida per negoziare il nostro momento presente . attraverso sei video di artisti che guardano alla condizione sociale e al mito.

Gli artisti sono Ed Ruscha, Piero Golia, Nam June Paik, Carsten Höller, Rachel Feinstein e Romuald Hazoumè.

https://www.galleriesnow.net/shows/broadcast-alternate-meanings-in-film-chapter-two/

sito galleria : http://www.gagosian.com/

 

  1. GALLERIA CONTINUA XXL ONLINE (San Gimignano IT)

Mostra: SUN YUAN & PENG YU PRESENT “CAN’T HELP MYSELF”

Non indicate date di cessazione visione

XXL Online” è un’iniziativa digitale della galleria Continua una delle più rinomate gallerie italiane a livello internazionale.

Il progetto presenta  le più grandi opere e installazioni degli artisti seguiti dalla Galleria Continua che sono state concepite per  grandi spazi o eventi speciali.

Entrare in una grande installazione artistica è come entrare in un altro mondo. L’artista, consapevole di ciò, usa la scala del mezzo per trasmettere un messaggio importante e che cambia la vita, nonché un incontro memorabile.

Questa sala di osservazione mostra alcuni dei momenti più grandi e migliori degli artisti con contenuti mai visti prima .

La mostra presenta una grande istallazione creata originariamente nel 2016.

Il lavoro consiste in un grande robot AI con una testa a forma di pala che controlla e “pulisce” continuamente il liquido viscoso rosso sul pavimento che circonda la struttura nel suo ampio recinto trasparente, simile a una creatura catturata e tenuta in mostra .

Nella sua prima apparizione al Guggenheim Museum nel 2016, non è stata solo una delle installazioni più viste che siano mai state nel museo, ma è stata anche l’opera più vista dal Guggenheim su Internet con oltre 2 milioni di visualizzazioni.

Presentata anche alla  58^ Biennale di Venezia .

https://www.galleriacontinua.com/viewing-room-gallery-xxl?id=c0c7c76d30bd3dcaefc96f40275bdc0a

 

  1. GOOGLE ARTS & CULTURE Movimenti artistici

Mostra: FLUXUS

Non indicate date di cessazione visione

Google ha attivato una piattaforma di fruizione dell’immenso patrimonio storico artistico e paesaggistico del mondo, mettendo a disposizione di Musei ed istituzioni culturali strumenti per stimolare l’interesse attraverso la presentazione online delle eccellenze presenti nelle collezioni.

Inoltre Google ha elaborato progetti di approfondimento su artisti e movimenti artistici, elaborati con rigore scientifico, creando vere e proprie mostre che uniscono virtualmente opere di artisti o movimenti distribuiti in Musei e collezioni in ogni angolo del mondo.

Tra i movimenti poco noto ma non per questo meno importante per l’arte del Novecento è FLUXUS.

Il termine Fluxus, che significa flusso e sottende un concetto di “movimento verso”, sta a designare una corrente di pensiero che si dà come fine un risultato soprattutto etico, raggruppando artisti di varia tendenza accomunati dalla volontà di giungere ad una espressione artistica liberata da ogni convenzionalismo e suddivisione di categoria.

Fluxus è quindi un Gruppo informale , nato nel 1962 negli Stati Uniti, composto da artisti avanguardisti internazionali che utilizzavano diverse tecniche e furono attivi dall’inizio degli anni ’60 alla fine degli anni ’70 noti anche per la loro partecipazione ad altri movimenti contemporanei.

Le loro attività spaziavano dai concerti o festival pubblici alla diffusione di nuove antologie e pubblicazioni concepite con criteri innovativi, che potevano includere spartiti di musica elettronica, performance teatrali, eventi effimeri, azioni e gesti che costituivano l’esperienza quotidiana del singolo.

Altri tipi di attività includevano la distribuzione di edizioni di oggetti, l’arte per corrispondenza e la poesia concreta. Spesso, sotto la guida dell’artista, le opere di Fluxus prevedevano la partecipazione dello spettatore per potersi definire complete.

Tra i nomi più noti del gruppo Yoko Ono, Joseph Beuys, Nam June Paik, George Maciunas, Robert Watts, Alberto Burri, Catalina Parra, per citarne solo alcuni

https://artsandculture.google.com/entity/fluxus/m0lvd8?categoryId=art-movement

 

 

Leave a Comment

XXXVI ANTIQUARIA PADOVA

Con proposte che vanno dal mini forziere del ‘500 , all’isola di san Giorgio di De Chirico, al bozzetto di Campigli per gli affreschi alla sede universitaria del Liviano di Padova, Antiquaria 2020 ritorna alla grande,  solo ritardata da marzo

Leggi Tutto »

ALPI di Paolo Pellegrin

L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi promuove le alpi italiane con una mostra di Paolo Pellegrin ALPI di Paolo Pellegrin Gli 83 Istituti Italiani di Cultura (IIC) nel mondo sono un luogo di incontro e di dialogo per intellettuali e

Leggi Tutto »

Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite

Il fotografo delle città e delle architetture che rappresenta le principali città del mondo. Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite Dal 1923, Triennale Milano è un’istituzione internazionale che organizza mostre ed eventi su design, architettura, arti visive e teatro. Il Museo del

Leggi Tutto »

BRITISH ART 1930-NOW

Una mostra che aiuta a scoprire i movimenti che hanno definito un secolo di arte britannica BRITISH ART 1930-NOW Il percorso di questa mostra   inizia con opere surrealiste e le risposte alla seconda guerra mondiale, tra cui i tre studi

Leggi Tutto »

HOW ART BECAME ACTIVE

Una mostra che vuol mostrare come dagli anni Sessanta l’arte  ha assunto un ruolo più attivo nella società. HOW ART BECAME ACTIVE La Tate Modern ha dedicato un suo nuovo edificio, la Switch House, a Len Blavatnik, l’oligarca dei due

Leggi Tutto »