INTERMINATI SPAZI E SOVRUMANI SILENZI. Giovanni Anselmo e Michelangelo Pistoletto

A Recanati una mostra di arte contemporanea per celebrare i duecento anni dalla stesura de L’Infinito di Giacomo Leopardi

INTERMINATI SPAZI E SOVRUMANI SILENZI. (Anselmo e Pistoletto)

RECANATI – Villa Colloredo Mels
Via Gregorio XII
Fino al 3 novembre 2019

INTERMINATI SPAZI E SOVRUMANI SILENZI. Giovanni Anselmo e Michelangelo Pistoletto
INTERMINATI SPAZI E SOVRUMANI SILENZI.
Giovanni Anselmo e Michelangelo Pistoletto

 

A Recanati una mostra di arte contemporanea per celebrare i duecento anni dalla stesura de L’Infinito di Giacomo Leopardi.

 

La mostra

Fino al 3 novembre, nel museo civico di Villa Colloredo Mels, la mostra a cura di Marcello Smarrelli “Interminati spazi e sovrumani silenzi”.

Dedicata a due grandi artisti della scena nazionale ed internazionale, Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933) e Giovanni Anselmo (Borgofranco d’Ivrea, 1934).

 

I due artisti

I due artisti riuniti alla fine degli anni Sessanta del Novecento tra gli esponenti di spicco dell’Arte Povera dal critico Germano Celant.

 

Metro cubo d’infinito in stanza specchiante

La mostra prende avvio dal Metro cubo d’infinito in stanza specchiante di Pistoletto.

L’istallazione che consiste in un cubo formato da sei lastre specchianti la cui superficie riflettente è rivolta verso l’interno, producendo un effetto di rispecchiamento infinito.

L’opera è stata realizzata specificamente per gli spazi di Villa Colloredo Mels e ripropone una nuova lettura di un’opera storica del 1966 Metro cubo d’infinito.

 

Particolare d’infinito

Il tema dell’infinito è presente anche, quale costante, nella ricerca artistica di Anselmo che a Recanati presenta tre opere dedicate espressamente all’infinito:

  • Particolare d’infinito, cartella di disegni che riproducono frammenti della parola “infinito”.
  • Infinito del 1971, una diapositiva recante la scritta “infinito” proiettata da un apparecchio collocato a terra di fronte alla parete.

Il proiettore ha tuttavia impostato la messa a fuoco a infinito, rendendo la scritta illeggibile;

  • Particolare proiezione della scritta “particolare” sul corpo degli spettatori in movimento.

 

La fuggevole bellezza. Da Giuseppe De Nittis a Pellizza da Volpedo

In contemporanea Villa Colloredo Mels ospita una seconda mostra, sempre dedicata a Leopardi La fuggevole bellezza. Da Giuseppe De Nittis a Pellizza da Volpedo.

 

ORARI

Orario estivo (da Luglio a Settembre):
Da lunedì a domenica – 10:00-19:00
Orario invernale (da Ottobre a Giugno):
Martedì – domenica 10.00-13.00 / 15.00-18.00, Lunedì chiuso

 

INFO

TEL: +39071 7570410
http://www.villacolloredomels.it/

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.