I FINALISTI DELLA SETTIMA EDIZIONE del GRANT/MAST

- DATA INIZIO: 25/01/2023

- DATA FINE: 01/05/2023

- LUOGO: BOLOGNA – MAST photo gallery

- INDIRIZZO: Via Speranza, 42

Mostra dei finalisti della selezione biennale anno 2022 di giovani fotografi promossa da MAST FOUNDATION FOR PHOTOGRAPHY GRANT ON INDUSTRY AND WORK.

I FINALISTI DELLA SETTIMA EDIZIONE del GRANT/MAST – Mostra Bologna

 

Mostra Mast Bologna
Immagine ufficiale mostra

 

BOLOGNA – MAST photo gallery Via Speranza, 42

Dal 25/01 al 01/05/2023

La Fondazione MAST è un’istituzione culturale internazionale e filantropica, basata sulla Tecnologia, l’Arte e l’Innovazione, nata a Bologna nel 2013.

MAST FOUNDATION FOR PHOTOGRAPHY GRANT ON INDUSTRY AND WORK è una selezione biennale di giovani fotografi che ha lo scopo di documentare e sostenere l’attività di ricerca sull’immagine dell’industria, la trasformazione che essa induce nella società e nel territorio, il ruolo del lavoro per lo sviluppo economico e produttivo.

Sono in mostra :

  • Hicham Gardaf è nato nel 1989 a Tangeri, in Marocco, e vive a Londra.

I lavori fotografici e le installazioni di Hicham Gardaf indagano le trasformazioni del paesaggio contemporaneo in relazione al tempo, allo spazio e alla politica del luogo.

Il suo lavoro affronta spesso questioni legate agli spazi sociali in cui viviamo, come edifici, strade, città; solleva interrogativi sulle pratiche che applichiamo a questi luoghi trasformandoli, abitandoli, appropriandocene e controllandoli.

  • Farah Al Qasimin nata nel 1991 ad Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti.

Vive e lavora a Dubai, Emirati Arabi Uniti e Brooklyn, Stati Uniti.

Farah Al Qasimi ha studiato fotografia e musica alla Yale University e ha conseguito il Master of Fine Arts alla Yale School of Art nel 2017. Lavorando principalmente con la fotografia, il video e la performance, l’artista esamina le strutture postcoloniali di potere, genere e gusto negli Stati Arabi del Golfo e negli Stati Uniti.

  • Lebohang Kganye è nata nel 1990 a Johannesburg, Sudafrica, dove vive e lavora. Ha ottenuto un diploma in Belle Arti presso l’Università di Johannesburg nel 2014 e attualmente sta facendo il Master in Belle Arti presso l’Università Witwatersrand. Situato nella specificità del contesto sudafricano, il lavoro multivalente di Kganye risuona con la storia traumatica del colonialismo e dell’apartheid della sua nazione, prendendo spesso come punto di partenza la letteratura, il teatro e le storie orali.
  • Maria Mavropoulou è nata nel 1989, vive e lavora ad Atene, in Grecia.

È un’artista visiva che utilizza principalmente la fotografia, mentre il suo lavoro si espande a nuove forme dell’immagine fotografica, come la VR, le scansioni LiDar e gli screenshot.

Il suo lavoro e la sua ricerca si concentrano sulle nuove realtà create dai dispositivi attraverso i quali accediamo a internet e sulle contraddizioni tra gli spazi fisici e digitali che abitiamo.

  • Salvatore Vitale, nato nel 1986 a Palermo, è un artista visivo, curatore, editore e docente basato a Zurigo, Svizzera.

La sua ricerca si concentra sullo sviluppo e la complessità delle società moderne, esplorandone le strutture di potere, la mediazione tecnologica e l’influenza di questi elementi nella società, mentre si avvale di un’ampia analisi documentaria, inclusi elementi di finzione, speculazione narrativa e l’uso di molteplici forme visive.

 

ORARI

  • visite guidate di un’ora, gratuite e su prenotazione
  • martedì > venerdì ore 15 e ore 17,
  • sabato e domenica ore 11 e ore 17.

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

3 thoughts on “I FINALISTI DELLA SETTIMA EDIZIONE del GRANT/MAST

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.