GRAZIA VARISCO. Esperienze d’Arte in gioco

- DATA INIZIO: 23/04/2024

- DATA FINE: 02/06/2024

- LUOGO: MACERATA - Galleria dell’Accademia di Belle Arti

- INDIRIZZO: Palazzo Galeotti- Piazza Vittorio Veneto, 5

- TEL: +39 0733 405150

L’Accademia di Belle Arti di Macerata celebra la carriera di Grazia Varisco

Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata ospita la mostra GRAZIA VARISCO. Esperienze d’Arte in gioco

 

Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata ospita la mostra GRAZIA VARISCO. Esperienze d’Arte in gioco 
Installation view

 

La Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata/ GABA.MC annessa a Palazzo Galeotti di Macerata, di proprietà della Fondazione CARIMA, a seguito di accordo per la cessione in comodato d’uso gratuito dell’intero Immobile all’Accademia di Belle Arti di Macerata, nasce ufficialmente nel 2015.

Il progetto GABA.MC pone al suo centro i valori dell’uomo e la bellezza delle sue creazioni attraverso un ciclo costante di mostre ed eventi con i protagonisti dell’arte visiva contemporanea.

Dal 23 aprile 2023 la Galleria presenta la mostra GRAZIA VARISCO. Esperienze d’Arte in gioco, a cura di Vittoria Coèn.

La mostra nasce nel contesto del ‘Titolo di Accademico Onorario’ e Premio Svoboda al talento artistico e creativo, che verrà conferito all’artista milanese, protagonista assoluta della ricerca che ha caratterizzato, fra l’altro, uno dei periodi più importanti della sperimentazione nazionale e internazionale.

Artista di fama internazionale, premio del presidente della Repubblica per la scultura ed esponente del Gruppo T, una delle più importanti correnti di arte cinetica e programmata tra gli anni Sessanta e Settanta, Grazia Varisco canalizza, attraverso la ricerca sulla trasformazione e percezione luminosa, il rapporto spazio-tempo.

Esperienze d’Arte in gioco è la cifra distintiva di un’artista come Grazia Varisco (Milano 1937) che considera il gioco come fondamento di cultura, mettendo in risalto tutta la vitalità di una ricerca continua e coerente, superando gli schemi di una convenzionale distanza tra opera e pubblico.

L’esperienza sensoriale, infatti, il toccare l’opera, il farsi coinvolgere, rappresenta un linguaggio poetico perseguito con interesse, dal progetto, fino al risultato finale emozionante e lucido che Grazia Varisco ci regala costantemente.

La mostra descrive un percorso che si articola diacronicamente tra gli anni Sessanta e le più recenti sperimentazioni.

Forza e leggerezza giocano attraverso modulazioni e variazioni per quello che potrebbe definirsi un concerto nello spazio.

Questa antologica esprime la consequenzialità che, da un lavoro all’altro, si concretizza in un unico pensiero e in un significativo segno.

Sono esposti circa venti lavori che dialogano con il luogo, e che mostrano un ventaglio di esperienze a sorpresa della sua poliedrica e ricca produzione.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > sabato 16.30 – 19.30

INFO

VALERIO ADAMI. Pittore di idee
VALERIO ADAMI. Pittore di idee
Posted on
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
Posted on
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
Posted on
MARINO MARINI. Arcane fantasie
MARINO MARINI. Arcane fantasie
Posted on
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion
Posted on
Previous
Next
VALERIO ADAMI. Pittore di idee
FLAVIO ORLANDO. Tappa fissa
Estetica della deformazione. Protagonisti dell’Espressionismo Italiano
MARINO MARINI. Arcane fantasie
ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.