Giovanni Fontana. Epigenetic Poetry

Inizio - 11/09/2020

Fine - 20/12/2020

Luogo - MARSIGLIA – Centre International de Poésie/CIPM

Indirizzo - 2 Rue de la Charité

A Manifesta 13 di Marsiglia la mostra di Giovanni Fontana, artista sensibile al pensiero Fluxus che ama definirsi poliartista

Giovanni Fontana. Epigenetic Poetry

 

 

La mostra Giovanni Fontana. Epigenetic Poetry  presenta una serie di nuove opere, di grande formato, sviluppate specificamente dall’artista per il programma Parallèles

du Sud di Manifesta 13 Marseille.

Giovanni Fontana classe 1946, è un performer, architetto, poeta visuale e sonoro,  che ama definirsi poliartista.

È autore di numerose pubblicazioni in forma tradizionale e multimediale.

Fontana è considerato  uno dei maggiori protagonisti della Poesia Sonora a livello internazionale e le sue opere, che assemblano apparati elettronici per la proiezione di video e la diffusione di audio, rendono concreta la pluridimensionalità delle opere.

Si tratta di opere che oltre al loro valore sul piano visivo, hanno un rilievo sul piano testuale e si pongono altresì come vere e proprie partiture.

Tra le opere e gli interventi degli ultimi anni,  Fontana ha realizzato nel 2015 il  Poema Bonotto, videopoema pubblicato in USB pen-drive dalla Fondazione Bonotto.

Il Progetto Giovanni Fontana. Epigenetic Poetry   è  realizzato grazie al sostegno del programma di promozione dell’arte contemporanea italiana nel mondo del Ministero  italiano per i Beni e le Attività Culturali.

Ospitato nella sede del CIPM/ Centre International de Poésie Marseille è reso possibile dalla collaborazione con Alphabetville e la Fondazione Bonotto.

La Fondazione Bonotto con sede a Colceresa in provincia di Vicenza è la più importante e completa raccolta italiana del movimento artistico internazionale FLUXUS.

(https://www.fondazionebonotto.org/en)

Patrizio Peterlini,  direttore della Fondazione e curatore della mostra, organizza lo spazio in una grande installazione sonora e visiva che, grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, tende ad ampliare il concetto di intermedialità che la sostiene.

Attraverso postazioni video e audio c’è la possibilità di vedere e ascoltare una serie di contenuti in relazione alle opere esposte.

E’ una mostra sensibile al pensiero di quegli artisti Fluxus  che negli anni sessanta del Novecento aspiravano a superare la tradizionale divisione dei domini dell’estetica mediante uno sconfinamento radicale dell’operare artistico nel ‘flusso’ della vita quotidiana favorendo la fusione di più codici e linguaggi artistici.

 

 

ORARI
Da martedì a sabato ore 11.30 – 18.00

INFO
http://www.epigeneticpoetry.altervista.org/
https://www.fondazionebonotto.org/it/news/1-events/177-giovanni_fontana_-_epigenetic_poetry.html

Leave a Comment

XXXVI ANTIQUARIA PADOVA

Con proposte che vanno dal mini forziere del ‘500 , all’isola di san Giorgio di De Chirico, al bozzetto di Campigli per gli affreschi alla sede universitaria del Liviano di Padova, Antiquaria 2020 ritorna alla grande,  solo ritardata da marzo

Leggi Tutto »

ALPI di Paolo Pellegrin

L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi promuove le alpi italiane con una mostra di Paolo Pellegrin ALPI di Paolo Pellegrin Gli 83 Istituti Italiani di Cultura (IIC) nel mondo sono un luogo di incontro e di dialogo per intellettuali e

Leggi Tutto »

Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite

Il fotografo delle città e delle architetture che rappresenta le principali città del mondo. Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite Dal 1923, Triennale Milano è un’istituzione internazionale che organizza mostre ed eventi su design, architettura, arti visive e teatro. Il Museo del

Leggi Tutto »

BRITISH ART 1930-NOW

Una mostra che aiuta a scoprire i movimenti che hanno definito un secolo di arte britannica BRITISH ART 1930-NOW Il percorso di questa mostra   inizia con opere surrealiste e le risposte alla seconda guerra mondiale, tra cui i tre studi

Leggi Tutto »

HOW ART BECAME ACTIVE

Una mostra che vuol mostrare come dagli anni Sessanta l’arte  ha assunto un ruolo più attivo nella società. HOW ART BECAME ACTIVE La Tate Modern ha dedicato un suo nuovo edificio, la Switch House, a Len Blavatnik, l’oligarca dei due

Leggi Tutto »