BERNARD VOÏTA – Melencolia

- DATA INIZIO: 01/06/2024

- DATA FINE: 06/10/2024

- LUOGO: WINTERTHUR (CH) - Fotostiftung Schweiz

- INDIRIZZO: Grüzenstrasse 45

- TEL: +41 52 234 10 45

Per l’artista svizzero Bernard Voïta la fotografia genera una propria realtà perché nulla è come lo vediamo

Fotostiftung Schweiz di Winterthur ospita la mostra fotografica BERNARD VOÏTA – Melencolia, fino al 6 ottobre

 

Fotostiftung Schweiz di Winterthur ospita la mostra fotografica BERNARD VOÏTA – Melencolia, fino al 6 ottobre
Installation view

 

Istituita nel 1971, la Fotostiftung Schweiz è una fondazione di diritto privato senza scopo di lucro impegnata nella conservazione, ricerca e diffusione di opere fotografiche.

 La Fotostiftung Schweiz colleziona principalmente opere fotografiche legate alla Svizzera dagli inizi della fotografia fino ai giorni nostri.

Nella sua attività di promozione dell’arte fotografica Fotostiftung Schweiz presenta inoltre importanti punti di vista sulla fotografia attuale e storica con alcune mostre temporanee.

Dal 1° giugno 2024 propone la mostra Melencolia dell’artista svizzero nato a Cully nel 1960 Bernard Voïta.

Bernard suscitò scalpore a livello internazionale già attorno al 1990: le sue immagini mostrano oggetti banali di uso quotidiano, in un disordine così accuratamente ordinato da lasciare chi le osserva a cercare invano un punto d’appiglio o di orientamento.

Queste opere non si basano su montaggi o collage ma su istallazioni tridimensionali che il fotografo traduce, tramite la macchina fotografica, in immagini fastidiosamente piatte.

Da allora Voïta ha persistito in questo gioco fantastico di apparenza e realtà.

 La mostra presenta per la prima volta la serie Melencolia al completo (2014–2017), il cui titolo si riferisce a una famosa opera di Albrecht Dürer.

Sono immagini di illusioni sensoriali, intelligenti, astute e a volte anche sconvolgenti, dove la fotografia genera una propria realtà perché nulla è come lo vediamo.

La mostra presenta infatti un gruppo di ciechi che si raduna attorno a un elefante per farsi un’idea di come sia fatto.

Uno di loro circonda una gamba con le braccia e dice: gli elefanti hanno l’aspetto di un tronco morbido.

Un altro afferra una zanna e protesta: al contrario, gli elefanti sono duri e appuntiti, hanno una forma lunga e arcuata.

 Non è assolutamente vero, sentenzia il terzo tastando il fianco dell’animale: gli elefanti assomigliano a una parete dalla superfice irregolare.

Il quarto invece, tenendo trionfante la coda tra le mani ride delle affermazioni dei suoi compagni: gli elefanti sono soltanto una funicella sottile.

Così scoppia una lite violenta perché ognuno di loro è convinto di dire la verità.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > domenica 11.00 – 18.00 (mercoledì chiusura ore 20.00)

INFO

LOUISE MANZON. Nell’oceano di Thetys
LOUISE MANZON. Nell’oceano di Thetys
Posted on
HYUN CHO. Electric supermoon
HYUN CHO. Electric supermoon
Posted on
CARLO FONTANELLA. Calchi del pensiero
CARLO FONTANELLA. Calchi del pensiero
Posted on
ORTIGIA CONTEMPORANEA
ORTIGIA CONTEMPORANEA
Posted on
Cèramica 2024. Alchimia della materia
Cèramica 2024. Alchimia della materia
Posted on
Previous
Next
LOUISE MANZON. Nell’oceano di Thetys
HYUN CHO. Electric supermoon
CARLO FONTANELLA. Calchi del pensiero
ORTIGIA CONTEMPORANEA
Cèramica 2024. Alchimia della materia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.