ANNA-SOPHIE BERGER E TEAK RAMOS You can have my brain

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Green Pass per accedere agli spazi espositivi chiusi

- DATA INIZIO: 28/09/2021

- DATA FINE: 23/01/2022

- LUOGO: ROMA – MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma

- INDIRIZZO: (Spazio Palestra) Via Nizza 138 / Via Reggio Emilia 54

- TEL: +39 06 696271

Dialogo artistico sui temi della moda tra l’artista austriaca Anna-Sophie Berger e Teak Ramos

ANNA-SOPHIE BERGER E TEAK RAMOS You can have my brain

 

 

MACRO è il Museo della città di Roma dedicato all’arte Contemporanea collocato dal 2008 nell’attuale sede, che fu stabilimento della Birra Peroni dal 1911 al 1971.

Dal 2018 la gestione del Museo è affidata all’Azienda Speciale Palaexpo ente strumentale nel settore cultura della Capitale.

Tra le sezioni speciali del Museo c’è PALESTRA, uno spazio a disposizione degli artisti per testare opere d’arte in fieri o non ancora del tutto compiute, delle “quasi opere” da esporre liberamente al pubblico senza alcun obbligo di pianificazione o progettazione.

Una palestra per allenare la mente ad interrogarsi sullo status dell’opera e della mostra.

Dal 28 settembre 2021 PALESTRA ospita la mostra ANNA-SOPHIE BERGER E TEAK RAMOS. You can have my brain.

Si tratta di un Il dialogo artistico tra Anna-Sophie Berger e Teak Ramos che ha origine da un interesse condiviso per l’universo della moda in senso ampio, oltre che per gli aspetti più tecnici relativi alla costruzione di un abito.

Con You can have my brain le artiste collaborano per la prima volta applicando al loro lavoro queste tematiche e partono proprio dall’archivio nato dalle loro conversazioni per concepire una serie di nuove opere per la sezione PALESTRA del museo.

L’archivio condiviso dalle due artiste è l’origine stessa dei lavori esposti: da questo derivano una serie di stampe A4 in bianco e nero che, applicate su dei capi in poliestere, cotone e tessuti da sartoria, danno forma a una serie di “look” indossati da dieci manichini cromati.

Funzionando come delle vere e proprie superfici di ricerca, gli stessi abiti traggono la loro composizione da forme convenzionali che sfuggono a collocazioni e attribuzioni specifiche.

Visivi e testuali al tempo stesso, i “look” sono concepiti come una singola opera e sono accompagnati da elementi scultorei, da una serie di foto e da un video.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì, mercoledì, giovedì e domenica 12.00 – 20.00
  • Venerdì e sabato12.00 – 22.00
  • Lunedì chiuso

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.