SALVO Autoritratto come Salvo

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Green Pass per accedere agli spazi espositivi chiusi

- DATA INIZIO: 27/10/2021

- DATA FINE: 27/01/2022

- LUOGO: ROMA – MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma

- INDIRIZZO: Via Nizza 138 / Via Reggio Emilia 54

- TEL: +39 06 696271

Nato in Sicilia Salvo propone in 80 opere il suo mondo fatto di enigmi, di misteri e di echi dell’antico.

SALVO Autoritratto come Salvo

 

 

MACRO è il Museo della città di Roma dedicato all’arte Contemporanea collocato dal 2008 nell’attuale sede, che fu stabilimento della Birra Peroni dal 1911 al 1971.

Dal 2018 la gestione del Museo è affidata all’Azienda Speciale Palaexpo ente strumentale nel settore cultura della Capitale.

Dal 27 ottobre il MACRO propone la mostra SALVO. Autoritratto come Salvo.

Autoritratto come Salvo è un compendio polifonico di opere che tratteggiano la complessità della figura di Salvo.

Nato a Leonforte in provincia di Enna, Salvo, nome d’arte di Salvatore Mangione (1947 –2015), si trasferisce nel 1956 a Torino dove in un primo periodo matura una ricerca più concettuale, grazie ai contatti diretti con figure che operano all’interno dell’Arte Povera e ad artisti come Sol LeWitt, Robert Barry e Joseph Kosuth.

Il 1973 è l’anno del ritorno alla pittura, una pittura praticata nei primissimi anni di formazione e che, all’inizio degli anni Settanta, era da considerarsi come una scelta anticonvenzionale, fuori tempo.

I temi centrali della sua ricerca come il rapporto con la tradizione e il passato, la rivisitazione della storia dell’arte, unita a una ricerca in parte autocompiaciuta dell’io, si esprimono in maniera più solida in questo secondo momento che durerà fino al 2015.

Il progetto espositivo, riprendendo giocosamente lo spirito di uno dei lavori più conosciuti dell’artista, Autoritratto come Raffaello, offre nella forma di una grande quadreria un’immagine esaustiva del suo operato.

Seguendo una cadenza temporale irregolare entreranno a far parte di questo disegno sulle pareti opere degli artisti Jonathan Monk, Nicolas Party e Nicola Pecoraro, mentre la sound performer e musicista Ramona Ponzini offrirà una sua personale interpretazione della mostra.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì, mercoledì, giovedì e domenica 12.00 – 20.00
  • Venerdì e sabato12.00 – 22.00
  • Lunedì chiuso

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.