ANGIOLINO / La guerra di un pittore cantastorie

- DATA FINE: 27/09/2020

- LUOGO: PASSARIANO- CODROIPO (UD) -Villa Manin

- INDIRIZZO: Piazzale Manin 10, Passariano - 33033 Codroipo (UD)

- TEL: 0432821211

 Villa Manin riapre con le opere di uno straordinario pittore autodidatta che sapeva trasferire sulla carta le emozioni e le sapeva trasmettere al puvbblico come un cantastorie

ANGIOLINO / La guerra di un pittore cantastorie

 

 

Ricomincia nella Barchessa di Levante con un’esposizione dedicata alle tempere di

Angiolino, straordinario pittore

autodidatta del ‘900 friulano, l’attività espositiva di Villa Manin

Villa Manin a Passariano  è uno dei più  importanti esempi della civiltà della Villa

veneta.

Fu fatta costruire  alla fine del ‘600 dalla ricca famiglia veneziana  Manin  nella sua

politica di espansione degli interessi economici verso Nord Europa.

La maestosa Villa  nella pianura friulana ha conosciuto numerosi momenti di gloria.

Oggi è proprietà della regione Friuli Venezia Giulia che la utilizza quale sede del

settore patrimonio culturale e sede espositiva.

Dal 27 giugno la barchessa di levante della Villa ospita la  mostra Angiolino/La guerra di

un pittore cantastorie.

Angiolino è solo un soprannome, un vezzeggiativo con cui la madre Anna Fabbri, era solita chiamarlo in ricordo del fratello, pittore e scultore, oltre che famoso burattinaio.

Col passare del tempo, il suo nome vero, Alfonsino Filiputti (1924-1999), venne dimenticato e per tutti rimase solo Angiolino.

Angiolino è oggi considerato un “pittore cantastorie” per le sontuose didascalie che accompagnano ogni suo lavoro.

Non si tratta di semplici descrizioni, ma di racconti stringati che racchiudono impressioni e sensazioni, idee e fantasie.

Le 157 tele in mostra coprono l’attività del pittore dal 1940 al 1945, quando Angiolino era poco più che ventenne.

Egli aveva  la capacità di rappresentare con. Immediatezza in immagini i racconti che riceveva, quand’era bambino dal padre e dallo zio Arturo, poi da amici e conoscenti.

Egli rappresenta episodi che all’epoca ebbero risonanza nazionale e internazionale, come Il Rex in fiamme nel porto di Trieste, prima tela di un fatto avvenuto in regione, I fatti di Porzûs, Lo sbarco in Normandia, ma anche scene di vita partigiana

Ogni tela è corredata da pannelli di approfondimento storico.

ORARI
Tutti i giorni dalle 10.00 alle 29.00
Chiuso il Lunedì

INFO
T. +39 0432 821211
www.villamanin.it

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.