AMERICAN ILLUSIONS

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito

- DATA INIZIO: 06/02/2021

- DATA FINE: 06/03/2021

- LUOGO: VARESE – Punto sull’Arte

- INDIRIZZO: Viale Sant’Antonio, 59/61

Tre artisti diversi per origini e formazione, che si dedicano tutti al medesimo soggetto dominante la veduta urbana per raccontare l’America

AMERICAN ILLUSIONS

 

 

Punto sull’Arte di Varese apre la sua stagione espositiva 2021 con una mostra collettiva dedicata all’America.

L’ America si racconta attraverso le voci di tre artisti che hanno scelto come soggetto soprattutto la veduta urbana.

Tre artisti che affidandosi a tecniche diversissime ci invitano a riflettere sul potere persuasivo dell’immagine, sul suo grado di veridicità e sulle trappole della percezione.

  • Il primo è Il francese JEAN-MARC AMIGUES nato a Tolosa nel 1965.

E’ un artista particolare perché nonostante la sua passione per il disegno e la pittura risalga alla sua giovinezza egli predilige gli studi in Medicina, specializzandosi in reumatologia.

Per lui l’arte era quindi un Hobby, inizialmente ispirato a modelli.

Tuttavia, la sua ricerca artistica è continua, ispirata ad alcuni maestri del Novecento Al Punto sull’Arte presenta opere costruite in punta di pennello con una verisimiglianza quasi chirurgica, immerse però in una nebbia di velature che confondono i contorni creando un’atmosfera noir.

  • Il secondo è l’italiano CLAUDIO FILIPPINI nato a Castenedolo (BS) nel 1953.

Nella sua pittura il paesaggio è l’elemento dominante di una poetica dove la realtà è termine visibile delle emozioni.

Nei suoi dipinti rivela una sensibilità intessuta nel rispetto verso il paesaggismo lombardo del nostro secolo e della nostra storia.

Nella sua fedeltà maniacale e stupefacente, ogni opera attira a sé il fruitore, quasi a volerlo rassicurare e affascinare sulla perfezione esecutiva e rappresentativa.

  • Chiude l’esposizione ANDREA GNOCCHI nato a Gallarate (VA) nel 1975

Egli costruisce. le sue vedute aeree spogliando l’immagine della presenza umana e di ogni dettaglio superfluo, riducendo le architetture a contrappunti astratti di bianchi e di neri e poi lasciando dilagare cromatismi impossibili che enfatizzano il senso strisciante di irrealtà.

ORARI

  • Da martedì a sabato ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00 e su appuntamento

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.