16^ BIENNALE di LIONE Manifesto of Fragility

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso con attenzione alle disposizioni a prevenzione della pandemia da Covid 19

- DATA INIZIO: 14/09/2022

- DATA FINE: 31/12/2022

- LUOGO: LIONE – MacLYON + undici altri siti

- INDIRIZZO: 81 quai Charles de Gaulle, + indirizzi vari

- TEL: +33 (0) 4 27 46 65 60

Si è aperta il 14 settembre la 16^ edizione della BIENNALE di LIONE

16^ BIENNALE di LIONE Manifesto of Fragility

 

 

LA BIENNALE di LIONE, concepita dai curatori Sam Bardaouil e Till Fellrath come unmanifesto della fragilità” , pone la fragilità al centro di una forma generativa di resistenza che è incoraggiata dal passato, sensibile al presente e preparata per il futuro.

Riconoscendo la fragilità come una delle poche verità universalmente sentite nel nostro mondo diviso, la Biennale raccoglie una miriade di pratiche creative e oggetti che abbracciano due millenni che parlano in modo diverso delle vulnerabilità di persone e luoghi, passati e presenti, vicini e lontani.

Concepito come una dichiarazione collettiva scritta attraverso parole, immagini, suoni e movimenti da 200 artisti e creativi, invita una comunità di voci resilienti a redigere un manifesto per un mondo che è irreprensibilmente fragile.

La Biennale è strutturata intorno a tre livelli distinti ma interconnessi, in cui fragilità e resistenza vengono esplorate attraverso la lente rispettivamente dell’individuo, della città e del mondo.

Al macLYON (Museum of Contemporary Art of Lyon, sede centrale della Biennale) e in altri undici luoghi della città di Lione, che rappresentano la diversa storia culturale e architettonica di Lione, viene presentato un mondo che incarna vari volti di fragilità attraverso opere d’arte contemporanee e storiche, nuove commissioni site-specific e una varietà di oggetti.

La Biennale presenta un panorama di momenti passati e attuali di perseveranza globale e propone forme future di essere nel mondo.

Notevole il numero degli artisti partecipanti espressione di luoghi, pensieri, tecniche e stati anagrafici tanto diversi, ma chiamati tutti a riflettere sul tema della fragilità.

L’elenco completo degli artisti partecipanti e dei luoghi interessati alla Biennale è pubblicato nel sito (cfr.INFO).

Viene riproposta una sezione dedicata agli artisti emergenti regionali e internazionali intitolata Young international artists ((Jeune création internationale), che si terrà presso l’Institute of Contemporary Art (IAC) di Villeurbanne.

ORARI

  • Sedi istituzionali (Fagor Factory, macLYON, Guimet Museum)
  • Martedì > venerdì 11.00 – 18.00
  • Sabato e domenica 11.00 – 19.00
  • Altre sedi (Orari vari)

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.