SHIOTA CHIHARU: The Soul Trembles

Fino al 27 ottobre il Mori Art Museum ospita la mostra personale dell’artista Shiota Chiharu

SHIOTA CHIHARU: The Soul Trembles

TOKYO – Mori Art Museum
53F, Torre Mori di Roppongi Hills Tokyo
Fino al 27 ottobre 2019

 

Shiota Chiharu In Silence 2008 Burnt piano, burnt chair, black wool Installation view: State of Being, Art Centre Pasquart, Biel/Bienne, Switzerland, 2008 Photo: Sunhi Mang
Shiota Chiharu
In Silence
2008
Burnt piano, burnt chair, black wool
Installation view: State of Being, Art Centre Pasquart, Biel/Bienne, Switzerland, 2008
Photo: Sunhi Mang

A Tokyo  personale di una raffinata artista nipponica che avvolge il pubblico con le sue istallazioni

Mori Art Museum

Il Mori Art Museum è stato aperto nell’ottobre 2003 nella parte superiore della Mori Tower, un luogo visibile da tutta Tokyo.

Ha l’obiettivo di essere un luogo di stimolazione e discussione.

È, infatti, un luogo in cui si discute apertamente su ciò che è importante nella cultura e nella società contemporanea.

Molto più, attraverso mostre e iniziative di studio e di approfondimento.

Il Mori Art Museum aspira inoltre a una piattaforma per artisti del Giappone e dell’Asia orientale.

 

La mostra SHIOTA CHIHARU: The Soul Trembles

Fino al 27 ottobre il museo ospita la mostra personale dell’artista Shiota Chiharu. Si parla di un artista internazionale, nata ad Osaka nel 1972 ma residente e attiva a Berlino.

 

Shiota Chiharu

Le sue opere hanno affascinato le persone di tutto il mondo e di ogni estrazione sociale mettendo in discussione concetti universali come identità, confini ed esistenza.

In una pratica che dura da venticinque anni, l’azione di Shiota Chiharu è segnata dalle sue installazioni immersive, in cui un intero spazio è intrecciato con filo, di solito rosso o nero.

 

Installazioni immersive The Soul Trembles

Gli spettatori che camminano attraverso questi spazi intrecciati con il filo sono assorbiti in una atmosfera intangibile.

Espressione di ricordi, ansia, sogni, silenzio e altro ancora, spesso derivanti dalla sua esperienza personale.

 

Il colore del filo

Per quanto riguarda il colore del filo, Shiota ha affermato che il nero può essere interpretato come il cielo notturno o il cosmo.

Il rosso come sangue, o in alternativa, il “filo rosso del destino” che nella credenza dell’Asia orientale unisce le persone.

Si tratta della più grande mostra personale di Shiota Chiharu in Giappone.

 

ORARI

Martedì dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Tutti gli altri giorni dalle ore 10.00 alle ore 22.00

 

INFO

Tel: + 81- (0) 3-5777-8600

https://www.mori.art.museum/en/exhibitions/shiotachiharu/index.html

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.