SALVO. Sicilia e città

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 28/10/2022

- DATA FINE: 28/01/2023

- LUOGO: MILANO – Dep Art Gallery

- INDIRIZZO: Via Comelico, 40

- TEL: +39 02 36535620

Dopo una prima esperienza tra gli artisti dell’Arte Povera, Salvo ritorna alla pittura con lavori dedicati alla rappresentazione di geografie dove spiccano il confronto con i maestri classici e i temi mitologici.

SALVO. Sicilia e città

 

 

MILANO – Dep Art Gallery Via Comelico, 40

Dal 28/10/2022 al 28/01/2023

Fondata a Milano da Antonio Addamiano Dep Art Gallery è stata inaugurata il 22 settembre 2006 con una mostra personale di Mario Nigro.

Dal 28 ottobre 2022 la galleria ospita la mostra SALVO. Sicilia e città, a cura di Gianluca Ranzi.

La mostra si concentra su due momenti distinti della produzione dell’artista: le Sicilie e le Italie degli anni Settanta e il tema della città, con una serie di dipinti datati dal 1983 al 2003.

SALVO (Leonforte, 1947 – Torino, 2015), nome d’arte per Salvatore Mangione, entra nella galleria di Gian Enzo Sperone nel 1968 con altri protagonisti dell’Arte Povera: Merz, Paolini, Penone, Pistoletto, Zorio e Boetti.

Proprio con Boetti condivide lo studio fino al 1971.

Salvo si esprime inizialmente attraverso manipolazioni fotografiche effettuando delle “sostituzioni”, idea che riprenderà anche in seguito.

Realizza le lapidi in marmo e i “tricolore”, utilizzando diversi media e sono già presenti i temi della ricerca dell’io, l’autocompiacimento narcisistico, il rapporto con il passato e la storia della cultura, elementi essenziali della sua ricerca successiva.

Tornato alla pittura, dopo l’iniziale esperienza nell’Arte Povera, Salvo si dedica a una serie di lavori, dove spiccano il confronto con i maestri classici e i temi mitologici.

Quasi in parallelo si confronta con le serie delle Sicilie e delle Italie, in cui elenca i nomi di personaggi storici nelle mappe geografiche, e tra i quali pone sempre il proprio.

Città, valli e paesaggi dei suoi viaggi sono tra i soggetti iconici della sua pittura, interpretati più nelle forme e nei colori che nei particolari non essenziali, al punto di sviluppare un linguaggio che è sintesi della sua pratica stilistica ed estetica.

 Dep Art presenta una preziosa selezione di olii di grandi e piccole dimensioni oltre ad alcuni disegni riferiti a queste serie geografiche.

Le opere giocano con le silhouette delle mappe geografiche alle quali viene sovrapposta una griglia, come di meridiani e paralleli, riempita dalle lettere che compongono i nomi di grandi artisti, filosofi, scrittori italiani di ogni epoca.

 Si tratta di opere che uniscono l’esercizio di una concettualità autoreferenziale e sottilmente autoironica alla riscoperta della pratica della pittura, in netto anticipo rispetto alle tendenze successive dell’arte internazionale.

La seconda parte della mostra è dedicata alla produzione pittorica avviata dagli anni Ottanta e si concentra sul tema della raffigurazione della città.

In questi lavori diventano centrali la sintesi delle forme, l’attenzione alla prospettiva, lo studio del colore tra le variazioni di ombre e luci.

Sospese tra realtà e immaginazione, le ambientazioni cittadine, spesso notturne, diventano un pretesto per rappresentare i bagliori di luce di lampioni, neon e autovetture che si stagliano su imponenti edifici trasformati in puri solidi geometrici.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue italiano e inglese che presenta in maniera esaustiva l’intero percorso artistico di Salvo insieme ai libri e alle mostre ad oggi dedicati all’autore.

 

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > sabato 10.30 – 19.00

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.