Sallusti, la Cassazione: «Spiccata capacità a delinquere, la gravità dei fatti legittima il carcere»

«Spiccata capacità a delinquere» (dimostrata dai precedenti penali dell’imputato), e «gravità del fatto» (per via delle “negatività” con cui è stato commesso), sono le ragioni che hanno spinto la Corte di cassazione a confermare il carcere per Alessandro Sallusti. Un’ipotesi “eccezionale” nei casi di diffamazione – ammetta la Suprema corte – ma pur sempre prevista quando si è di fronte a «condotte lesive di diritti fondamentali».
Il ragionamento è contenuto nelle motivazioni della sentenza 41249/2012 con cui la Corte di cassazione (si legga il testo sul sito di Guida al diritto), in ben 26 pagine di ragionamenti, ricostruisce punto per punto i motivi che hanno portato alla bocciatura del ricorso dell’attuale direttore del Giornale Alessandro Sallusti per la diffamazione di un magistrato, avvenuta nel 2007 quando era alla guida di Libero.
ALCUNI DIRITTI RISERVATI (CC BY-NC-SA)

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.