Recycling Beauty

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 17/11/2022

- DATA FINE: 27/02/2023

- LUOGO: MILANO – Fondazione Prada

- INDIRIZZO: Largo Isarco, 2

- TEL: +39 02 5666 2611

Un’inedita ricognizione dedicata al tema del riuso di antichità greche e romane in contesti post-antichi, dal Medioevo al Barocco.

Recycling Beauty

 

 

MILANO – Fondazione Prada Largo Isarco, 2

Dal 17/11/2022 al 27/02/2023

Da vent’anni la Fondazione Prada si interroga su quali siano gli intenti e la rilevanza dell’impegno culturale oggi, con una serie di progetti in continua evoluzione.

Ci sono state commissioni “utopiche” a singoli artisti, conferenze di filosofia contemporanea, mostre di ricerca e iniziative in campo cinematografico.

Dal 17 novembre La Fondazione Prada propone nei suoi spazi espositivi di Milano la mostra Recycling Beauty, un’inedita ricognizione dedicata al tema del riuso di antichità greche e romane in contesti post-antichi, dal Medioevo al Barocco.

Curata da Salvatore Settis con Anna Anguissola e Denise La Monica, Recycling Beauty intende focalizzare l’attenzione sul momento in cui il pezzo antico abbandona la propria condizione iniziale o di rovina e viene riattivato, acquistando nuovo senso e valore grazie al gesto del riuso.

Non viene invece considerato il fenomeno del riuso nell’ottica della relazione visuale e concettuale fra gli elementi antichi riusati e il contesto post-antico, lontano da quello di origine, in cui sono stati inclusi.

Il progetto espositivo, concepito da Rem Koolhaas/OMA con Giulio Margheri, si sviluppa in due edifici della Fondazione, il Podium e la Cisterna, come un percorso di analisi storica, scoperta e immaginazione.

Nel Podium un paesaggio di plinti bassi permette di percepire i pezzi esposti come un insieme, mentre le strutture simili a postazioni di lavoro incoraggiano un esame più ravvicinato grazie alla presenza di sedie da ufficio.

Nella Cisterna i visitatori incontrano gli oggetti gradualmente, in una sequenza di spazi che facilitano l’osservazione da punti di vista alternativi.

Due sale della Cisterna sono dedicate alla statua colossale di Costantino (IV sec. d.C.), una delle opere più importanti della scultura romana tardo-antica.

Due monumentali frammenti marmorei, la mano e il piede destro, normalmente esposti nel cortile del Palazzo dei Conservatori a Roma, sono accostati a una ricostruzione del Colosso in scala 1:1, mai tentata prima, che evidenzia come l’opera sia il risultato della rielaborazione di una più antica statua di culto, probabilmente di Giove.

Questo impegnativo progetto è il risultato di una collaborazione tra i Musei Capitolini, Fondazione Prada e Factum Foundation, la cui supervisione scientifica è stata seguita da Claudio Parisi Presicce, Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali.

ORARI DI APERTURA

  • tutti i giorni eccetto martedì 10.00 – 19.00

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.