MICHAEL KREBBER Studiofloor and Diamond paintings

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito

- DATA INIZIO: 29/05/2021

- DATA FINE: 08/01/2022

- LUOGO: BOLZANO – Fondazione Antonio Dalle Nogare

- INDIRIZZO: Via Rafenstein, 19

- TEL: +30047971626

Prima personale in Italia dell’artista che è stato al centro della scena artistica tedesca tra gli anni Ottanta e Novanta.

MICHAEL KREBBER Studiofloor and Diamond paintings

 

 

La Fondazione Antonio Dalle Nogare di Bolzano nasce per promuovere l’arte contemporanea, operando in tre «dimensioni»: interazione, sperimentazione e formazione.

La Fondazione propone dal 29 maggio la prima mostra personale in Italia di Michael Krebber.

Michael Krebber è nato a Colonia nel 1954, ha studiato pittura all’Akademie der Bildenden Künste di Karslruhe.

Dal 2016 vive e lavora a New York.

È stato assistente dei celebri artisti tedeschi Martin Kippenberger e Georg Baselitz.

Dal 2002 al 2016 è stato professore alla Städelschule di Francoforte, dove con il suo insegnamento ha influenzato profondamente una generazione di giovani artisti.

Artista di fama internazionale e figura centrale sulla scena artistica tedesca tra gli anni Ottanta e Novanta, Michael Krebber è diventato infatti un punto di riferimento per un’intera generazione di artisti.

Tuttavia, Krebber in Italia non ha ancora avuto pieno riconoscimento.

La sua costante ricerca è diretta a mettere in discussione le convenzioni e i confini del medium pittorico, inteso dall’artista come spazio di dialogo e zona di contaminazione, piuttosto che un modo finalizzato alla produzione di un oggetto.

Da decenni, il suo lavoro è caratterizzato da un approccio concettuale alla pittura basato sulla convinzione che sia ormai impossibile inventare qualcosa di nuovo nell’arte, poiché tutto è già stato inventato.

Più che semplici “reinvenzioni”, gli interventi minimali e apparentemente irrisolti dell’artista offrono al pubblico una “tela aperta” a molteplici possibilità.

Come una frase incompiuta, le sue opere lasciano gli spettatori liberi di indovinare cosa potrebbe accadere.

In mostra a Bolzano presenta le due serie di opere “Studiofloor” e “Diamond Paintings”, che illustrano la volontà dell’artista di espandere la sua riflessione sul tema della pittura, intesa come performance oltre la tela e oltre lo spazio ad essa tradizionalmente attribuito.

La mostra è curata da Vincenzo de Bellis e organizzata in collaborazione con la Greene Naftali Gallery di New York.

 

ORARI DI APERTURA (ingresso libero)

  • Venerdì 17.00 -19.00
  • Sabato 10.00 – 18.00

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.