MASSENET, MAESTRO DEL SUO TEMPO

A Venezia sei concerti dal 1° al 28 ottobre

Comunicato stampa

A Venezia sei concerti dal 1° al 28 ottobre

 

 

Rimettere in discussione certezze musicali è una peculiarità del Palazzetto Bru Zane dalla sua fondazione. L’esperienza dimostra che l’oblio ha colpito anche opere luminose, di cui ormai non si potrebbe più fare a meno. Tra queste rientra a pieno titolo la produzione di Jules Massenet a cui Palazzetto Bru Zane dedica il primo festival della stagione 2022-23 definendolo, con una punta di malizia, “maestro del suo tempo”.
Oltre ai sei concerti a Venezia, dal 1° al 28 ottobre, che permettono di esplorare il mondo della melodia, grande spazio verrà dato anche alle opere del compositore francese, da Ariane a Werther fino a Grisélidis.

Si direbbe che neanche le compositrici a cui è dedicato il secondo festival della stagione abbiano pescato un numero vincente alla lotteria della fama. Da anni, il Palazzetto Bru Zane risponde alla richiesta, sempre più condivisa, di riconsiderare i cataloghi femminili e di ricostruire con esattezza le carriere delle musiciste, di ritrovare i manoscritti delle loro opere, di proporne edizioni moderne e di farle eseguire.
Quest’anno sette concerti a Venezia, dal 1° aprile all’11 maggio, permettono di viaggiare alla riscoperta di nomi poco noti del repertorio francese, tra cui Rita Strohl, Augusta Holmes, Louise Farrenc e Cécile Chaminade, per fare solo alcuni esempi.
Punta di diamante di questo ciclo dedicato alle compositrici saranno i Mottetti e Fausto, opera seria di Louise Bertin presentata a Parigi in versione concerto.

Completano la stagione concerti fuori festival durante il Carnevale, la Giornata internazionale dei diritti delle donne e Art Night Venezia oltre a registrazioni di mélodies e musica da camera per Bru Zane Label, giornate di studio, eventi per famiglie e per le scuole, conferenze, mostre sulle tematiche della stagione in corso e visite guidate.

INDIRIZZO
Palazzetto Bru Zane
Venezia, San Polo 2368
Da Campo San Stin attraversare il sottoportico alla fine del Campo; il Palazzetto si trova in fondo alla calle.

Contatti per la Stampa
contact@bru-zane.com

In collaborazione con Studio ESSECI – Sergio Campagnolo
Ref. Roberta Barbaro
roberta@studioesseci.net Tel. 049 663499

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.