Mario Merz El tiempo es mudo (Il tempo è muto)

Mario Merz, uno dei maestri dell’Arte Povera italiana, espone al Reina Sofia di Madrid

Mario Merz El tiempo es mudo

MADRID – Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia

Calle Santa Isabel,52
Fino al 29 marzo 2020

 

Mario Merz. Rinoceronte, 1979. Técnica mixta sobre tela y neón, 291 x 435 cm. Colección particular, Madrid. © Mario Merz by SIAE, VEGAP, Madrid, 2019
Mario Merz. Rinoceronte, 1979. Técnica mixta sobre tela y neón, 291 x 435 cm. Colección particular, Madrid. © Mario Merz by SIAE, VEGAP, Madrid, 2019

 

Il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía ha iniziato la sua attività nel 1990, quale moderno museo spagnolo contemporaneo su scala internazionale.

Mario Merz El tiempo es mudo

Mario Merz (Milano 1925-Milano 2003) è uno dei principali artisti italiani del gruppo dell’Arte Povera, teorizzata negli anni Sessanta dal critico e storico dell’arte Germano Celant.

La collaborazione tra la Direzione del Reina Sofìa e la fondazione di Torino che porta il suo nome e conserva molte sue opere e documenti, ha permesso di organizzare, a Madrid, una grande retrospettiva sull’opera di Merz.

Il lavoro di Merz si esprime trovando ispirazione nella sua opposizione alla società postindustriale del consumismo.

Merz usa i materiali più poveri e comuni: materiali organici come l’argilla, rami, cera e carbone oi materiali di fortuna come le lettere e imballaggi alimentari.

Dall’uso di questi materiali derivano alcune delle associazioni ricorrenti nell’immaginario pre-moderno dell’artista, ad esempio fuoco, saette e frecce.

Interessanti sono poi le sue figure con significati mitici e geologici: l’igloo, la tavola, la spirale, il fiume con animali ancestrali come il rinoceronte e il coccodrillo.

La rappresentazione della realtà di Merz deriva dalla posizione ideologica e impegnata dell’artista e dalla sua relazione con il clima politico e intellettuale in Italia negli anni ’60 e ’70.

La sua è un’arte di impegno politico e sociale che vuole rivendicare uno stile di

vita in sintonia con la natura da difendere contro l’invasione di stili di vita ove paiono dominare i predatori del consumismo capitalista.

 

ORARI

Da lunedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 21.00

Martedì chiuso

Domenica e festivi controllare sul sito

 

INFO

TEL: 3491774 1000

https://www.museoreinasofia.es/exposiciones/mario-merz

1 thought on “Mario Merz El tiempo es mudo (Il tempo è muto)

Leave a Comment

Akira Zakamoto – Atelier Montez

In queste tele rivivono Gundam, Actarus, Devilman e Goldrake. Guerrieri ed eroi, eletti a giustizieri supremi nella pittura di immagini tutt’altro che sentimentali, quanto più evocative e significative Akira Zakamoto – Atelier Montez la mostra dell’artista Akira Zakamoto, che rimarrà

Leggi Tutto »
EQUIPE 48

EQUIPE 48

La soffitta dell’amico si trovava poi in un tratto di portico che ogni giorno percorrevamo con le nostre discussioni, quasi a metà del percorso EQUIPE 48     Ci trovavamo nella soffitta sopra il negozio e l’abitazione di uno degli

Leggi Tutto »
Antonio Verrio The Sea Triumph of Charles II c.1674 The Royal Collection Trust/© Her Majesty Queen Elizabeth II 2019

British Baroque Power and Illusion

Una grande mostra sul barocco britannico e sul ruolo dell’arte nella costruzione di una rinnovata visione della monarchia British Baroque Power and Illusion LONDRA –Tate Britain Millbank, Westminster, London SW1P 4RG Dal 4 febbraio al 19 aprile 2020    

Leggi Tutto »
Giuseppe De Nittis: Westminster, 1878. Olio su tela, cm 110 x 192. Courtesy Marco Bertoli

DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo

Uno speciale gemellaggio culturale tra Ferrara e Barletta con due grandi mostre parallele: Barletta ospita il ferrarese Boldini, Ferrara ospita il barlettano De Nittis DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo FERRARA – PALAZZO DEI DIAMANTI Corso Ercole I d’Este,

Leggi Tutto »
George Brecht Incidental Music 1961. Performed by Ken Friedman, Geoff Hendricks, Al Hansen, and Ben Vautier (left to right) at “Milano Poesia”, Ansaldo, Milan, 1989. Photo: F. Garghetti. Courtesy of Fondazione Bonotto. Copyright © Fabrizio Garghetti. All Rights Reserved.

Sense Sound/Sound Sense

Sense sound/sound sense , grande mostra di Fluxus, movimento radicale d’avanguardia, dalla collezione  dell’imprenditore e collezionista veneto Luigi Bonotto Sense Sound/Sound Sense LONDRA – Whitechapel Gallery Whitechapel High Street – London, E1 United Kingdom FINO AL 2 FEBBRAIO 2020  

Leggi Tutto »