EMILIO PRINI

Alla fondazione Merz di Torino le opere enigmatiche dell’artista italiano più misterioso e più concettuale dell’Arte Povera

EMILIO PRINI

TORINO – Fondazione Merz
Via Limone 24
Fino al 9 febbraio 2020

 

Emilio Prini_Studi per Pesi Spinte Azioni, 1968
Emilio Prini_Studi per Pesi Spinte Azioni, 1968

 

La Fondazione, intitolata a Mario e Marisa Merz, nasce come centro d’arte contemporanea nel 2005, con l’intento di ospitare mostre, eventi, attività educative e portare avanti la ricerca e l’approfondimento dell’arte.

La fondazione conserva materiali e documenti di Mario Merz e della moglie |Marisa, entrambi esponenti di spicco dell’arte povera.

Si tratta del movimento artistico, tipicamente italiano, che fu tra i più influenti e radicali, del secondo dopoguerra.

Fino al 9 febbraio i locali della Fondazione ospitano una personale dell’artista italiano più misterioso e più concettuale del gruppo, Emilio Prini.

Emilio Prini (Stresa, 1943 – Roma 2016) è stato infatti uno dei protagonisti dell’Arte Povera. Fin dall’inizio.

A partire dal 1967, anno del debutto con la mostra curata da Germano Celant Arte povera–Im Spazio alla Galleria La Bertesca di Genova, Prini prende parte infatti alle mostre più significative dell’epoca.

Ora la Fondazione Merz gli dedica una retrospettiva a tre anni dalla sua morte.

Un nucleo di oltre quaranta opere di Emilio Prini, dal 1966 al 2016, viene presentato per attivare una riflessione critica e storica intorno al movimento e a uno dei suoi più interessanti rappresentanti.

Un omaggio doveroso da parte della Fondazione Merz a un artista discusso, sfuggente, certamente geniale, ironico, autentico e provocatore.

La mostra è anche un’occasione per ripercorrere un legame di amicizia e di profonda stima tra Emilio Prini e i coniugi Merz.

La collaborazione tra Fondazione Merz e Archivio Prini è garantita poi da due curatori d’eccezione, Beatrice Merz figlia di Mario e Marisa e Timotea Prini figlia di Emilio.

 

ORARI

Da martedì a domenica ore 11.00 – 19.00

Lunedì chiuso

 

INFO

T.+39 011 19719437

Home

Leave a Comment

Akira Zakamoto – Atelier Montez

In queste tele rivivono Gundam, Actarus, Devilman e Goldrake. Guerrieri ed eroi, eletti a giustizieri supremi nella pittura di immagini tutt’altro che sentimentali, quanto più evocative e significative Akira Zakamoto – Atelier Montez la mostra dell’artista Akira Zakamoto, che rimarrà

Leggi Tutto »
EQUIPE 48

EQUIPE 48

La soffitta dell’amico si trovava poi in un tratto di portico che ogni giorno percorrevamo con le nostre discussioni, quasi a metà del percorso EQUIPE 48     Ci trovavamo nella soffitta sopra il negozio e l’abitazione di uno degli

Leggi Tutto »
Antonio Verrio The Sea Triumph of Charles II c.1674 The Royal Collection Trust/© Her Majesty Queen Elizabeth II 2019

British Baroque Power and Illusion

Una grande mostra sul barocco britannico e sul ruolo dell’arte nella costruzione di una rinnovata visione della monarchia British Baroque Power and Illusion LONDRA –Tate Britain Millbank, Westminster, London SW1P 4RG Dal 4 febbraio al 19 aprile 2020    

Leggi Tutto »
Giuseppe De Nittis: Westminster, 1878. Olio su tela, cm 110 x 192. Courtesy Marco Bertoli

DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo

Uno speciale gemellaggio culturale tra Ferrara e Barletta con due grandi mostre parallele: Barletta ospita il ferrarese Boldini, Ferrara ospita il barlettano De Nittis DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo FERRARA – PALAZZO DEI DIAMANTI Corso Ercole I d’Este,

Leggi Tutto »
George Brecht Incidental Music 1961. Performed by Ken Friedman, Geoff Hendricks, Al Hansen, and Ben Vautier (left to right) at “Milano Poesia”, Ansaldo, Milan, 1989. Photo: F. Garghetti. Courtesy of Fondazione Bonotto. Copyright © Fabrizio Garghetti. All Rights Reserved.

Sense Sound/Sound Sense

Sense sound/sound sense , grande mostra di Fluxus, movimento radicale d’avanguardia, dalla collezione  dell’imprenditore e collezionista veneto Luigi Bonotto Sense Sound/Sound Sense LONDRA – Whitechapel Gallery Whitechapel High Street – London, E1 United Kingdom FINO AL 2 FEBBRAIO 2020  

Leggi Tutto »