Le Corbusier: Nomadic Murals

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 14/09/2022

- DATA FINE: 22/12/2022

- LUOGO: NEW YORK – Almine Rech Gallery

- INDIRIZZO: 39 East 78th Street, 2nd Floor, NY 10075

Una mostra di Arazzi mette in luce a New York una delle qualità artistiche del grande architetto Le Corbusier

Le Corbusier: Nomadic Murals

 

 

Le Corbusier, pseudonimo di Charles-Édouard Jeanneret-Gris (Svizzera 1887 -Francia 1965) è conosciuto in genere per la sua attività di architetto, tanto da essere considerato uno dei principali esponenti dell’architettura del Novecento a livello internazionale.

Ma Le Corbusier è stato anche urbanista, pittore, scultore, designer di qualità come vuol dimostrare la mostra Le Corbusier: Nomadic Murals aperta il 14 settembre presso la galleria Almine Rech di New York.

Per sessant’anni, Le Corbusier ha utilizzato un’ampia varietà di media per esplorare i temi e le forme della sua arte, compreso l’arazzo che egli scoprì per la prima volta nel 1936, in risposta a una richiesta di Marie Cuttoli, che allora commissionava a pittori moderni opere d’arte tessute in una fabbrica ad Aubusson.

Il suo interesse per questa forma d’arte serviva come risposta alla sfida lanciata agli architetti da Fernand Léger, che li aveva accusati di “imporre radicalmente” le loro superfici “lisce” e fredde.

Le Corbusier arrivò a credere che “per la sua consistenza, la sua materia, per la realtà della sua produzione”, l’arazzo “porta il suo calore all’interno“, rompendo il concetto di superficie liscia e fredda.

Per Le Corbusier, le opere d’arte in tessuto prodotte ad Aubusson non erano affatto destinate solo a decorare ma le percepiva come componenti mobili delle moderne abitazioni, che si possono “smontare dal muro, arrotolare, mettere sottobraccio quando si vuole, e riattaccare altrove.”

La mostra di New York presenta un eccezionale insieme di opere d’arte, siano essi schizzi intimi o vasti arazzi, tracciando il percorso delle osservazioni e dell’immaginazione di Le Corbusier.

In questi lavori si va dagli “oggetti tipici” delle sue prime nature morte ai corpi femminili che lo hanno sempre ispirato, e le cui forme ha combinato con quelle degli strumenti musicali e delle manovre.

La varietà delle tecniche artistiche utilizzate da Le Corbusier per disegnare i cartoni di circa ventisei arazzi può essere vista nelle opere raccolte dalla galleria, dalla matita colorata al pastello, olio e papier collé.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > sabato 11.00 – 17.00

INFO

LORENZO QUINN.  Anime di Venezia – Souls of Venice
LORENZO QUINN. Anime di Venezia – Souls of Venice
Posted on
NEBULA
NEBULA
Posted on
EXPODEMIC.  Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
Posted on
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
Posted on
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT
Posted on
Previous
Next
LORENZO QUINN. Anime di Venezia – Souls of Venice
NEBULA
EXPODEMIC. Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri
Mostra personale di Mario Ferrante: “… le stanze dei fenicotteri rosa e altre storie…”
CalamitA/À – Indagini e ricerche nei territori del VAJONT

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.