Guido Baselgia. Come se il mondo dovesse essere misurato

La Svizzera rende omaggio al suo cittadino Guido Baselgia, il fotografo che fa riflettere sulla cecità dell’uomo che distrugge le ultime risorse del pianeta

Guido Baselgia. Come se il mondo dovesse essere misurato

WINTERTHURFotostiftung Schweiz
Grüzenstrasse 45 CH-8400 Winterthur
Fino al 16 febbraio 2020

 

Guido Baselgia, Tierra templada № 1, 2018, © Guido Baselgia (Dettaglio)
Guido Baselgia, Tierra templada № 1, 2018, © Guido Baselgia (Dettaglio)

 

Famoso per le sue fotografie di paesaggi di pietra e ghiaccio – composizioni in bianco e nero altamente concentrate al limite dell’astrazione – Guido Baselgia (1953) sorprende con il suo ultimo ciclo di lavoro.

Baselgia aveva cominciatoinfatti la sua avventura fotografica, riprendendo con amore la sua terra natale, l’Engadina.

Ha rappresentato l’argento delle sue montagne innevate, stampate in un nitido bianco e nero.

Poi è risalito alla Norvegia, ove ha trovato gli stessi impatti visivi del bianco e nero.

E’ passato poi in Perù, Bolivia e Brasile ove è approdato nella foresta pluviale tropicale nel Bacino dell’Amazzonia.

Lo specialista della frugalità e del vuoto ha trovato così la strada per la sovrabbondanza: fotografa, si occupa della rappresentazione di un habitat onnipresente nella memoria visiva collettiva.

Coglie appieno la minaccia che incombe su quelle terre e i rischi di un impoverimento generale posto sotto i riflettori dei conflitti geopolitici.

La mostra al Fotostiftung Schweiz mostra per la prima volta le fotografie di Guido Baselgia dall’Ecuador orientale.

Il nuovo lavoro apre un altro capitolo della serie dei cicli di lavoro di Baselgia.

Il fotografo esplora domande elementari, attraversando le tracce di famosi esploratori nei suoi viaggi, ma le sue immagini mostrano una visione molto differenziata.

Il mondo non può più essere presunto, non ci sono più punti bianchi sulla mappa ove sia ancora possibile il gesto utilitaristico e coloniale di sfruttamento globale.

 

ORARI

Da martedì a domenica dalle ore 11.00 alle ore 18.00

(mercoledì chiude ore 20.00)

Lunedì chiuso

 

INFO

TEL. +41 52 234 10 30

info@fotostiftung.ch

Leave a Comment

Nel salotto del collezionista

Un percorso espositivo gratuito reso straordinario da capolavori di Francesco Hayez, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Giacomo Balla, Adolfo Wildt provenienti da prestigiose istituzioni museali della Lombardia UNA GRANDE MOSTRA SU ARTE E MECENATISMO LOMBARDO TRA 800 E 900

Leggi Tutto »
Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Cinema, video e videoinstallazioni proposte come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi  Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo     Nel 2020

Leggi Tutto »

Della materia spirituale dell’arte

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo riunisce alcuni tra i più importanti protagonisti della scena artistica dei nostri tempi in una grande collettiva sul tema della materia spirituale dell’arte  Della materia spirituale dell’arte     Il MAXXI –

Leggi Tutto »

The Missing Planet

Uno sguardo sullo stato dell’arte e della ricerca artistica nelle ex repubbliche sovietiche a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino The Missing Planet   Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata

Leggi Tutto »