GABRIELE LANDI. Alle montagne

- DATA INIZIO: 16/06/2024

- DATA FINE: 29/09/2024

- LUOGO: CARRARA – Museo delle Arti/mudaC

- INDIRIZZO: Via Canal del Rio 1

- TEL: +39 0585779681

Per Gabriele Landi la dimensione pittorica è fatta di sottili vibrazioni tonali in una progressiva articolazione spaziale dove il colore regna incontrastato

Museo delle Arti/mudaC di Carrara ospita la mostra GABRIELE LANDI. Alle montagne, aperta fino al 29 settembre

 

Museo delle Arti/mudaC di Carrara ospita la mostra GABRIELE LANDI. Alle montagne, aperta fino al 29 settembre
Installation view

 

Si è inaugurata il 15 giugno 2024 presso il Project Room del Museo delle Arti di Carrara/ mudac la mostra Alle montagne di Gabriele Landi, a cura di Cinzia Compalati.

La mostra, inserita nell’ambito del programma White Carrara 2024, manifestazione che presenta una serie di eventi en plain air in cui viene valorizzata la straordinaria materia del marmo in soluzioni di design contemporanee.

Gabriele Landi (Belgio 1971) si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Milano e attualmente vive e lavora in provincia di La Spezia.

Divulgatore delle geometrie contraddittorie della realtà attraverso la sua ricerca artistica Landi è anchedivulgatore curioso e attento alla veicolazione dell’arte tramite il suo format Parola d’Artista, con cui approfondisce, attraverso interviste, il lavoro e il pensiero di suoi colleghi e di critici e operatori del settore dell’arte e della cultura.

Divulgatore nella sua occupazione professionale per la quale si dedica alla Didattica dell’Arte Moderna e Contemporanea e che lo spinge ad approfondire la conoscenza del lavoro di altri artisti. Questo aspetto di curiosità, relazione, condivisione lo pone in ascolto e in dialogo continuo con sé stesso e gli altri portandolo ad un lavoro di registrazione e trasmissione attraverso la sua arte della realtà che lo circonda.

Il percorso artistico di Gabriele Landi muove da una dimensione pittorica fatta di sottili vibrazioni tonali ottenute per sovrapposizione e velatura verso una progressiva articolazione spaziale dove il colore regna incontrastato.

In tempi recenti l’artista si è concentrato sull’impiego della carta d’acquerello che dipinge, taglia, piega e perfora in vari modi dando così vita a delle articolazioni spaziali della superficie pittorica, una pittura geometrica flat che prende corpo tridimensionale.

ORARI DI APERTURA

  • martedì > domenica 9.00-12.00 / 14.00-17.00

INFO

LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
Posted on
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
Posted on
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Posted on
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Posted on
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin
Posted on
Previous
Next
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.