Donatello Inventor of the Renaissance

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 02/09/2022

- DATA FINE: 08/01/2023

- LUOGO: BERLINO – Gemäldegalerie (Staatliche Museen zu Berlin)

- INDIRIZZO: Matthäikirchplatz 4, 10785 Berlin

- TEL: +49 (30) 266 42 42 42

La prima grande mostra di Donatello in Germania nata dalla collaborazione internazionale tra Berlino, Firenze e Londra.

Donatello Inventor of the Renaissance

 

 

La Gemäldegalerie è uno dei più importanti musei statali di Berlino e oggi trova sede in un moderno edificio del Kulturforum con una superficie espositiva di circa 7000 metri quadrati

Possiede una delle più importanti collezioni al mondo di pittura europea dal XIII al XVIII secolo, che è stata sistematicamente costruita e completata dall’anno della sua fondazione, nel 1830.

Qui sono esposti capolavori di tutti i periodi della storia dell’arte, tra cui dipinti di van Eyck, Bruegel, Dürer, Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Rubens, Rembrandt e Vermeer.

Il museo ospita anche mostre temporanee, spesso realizzate in collaborazione con altre importanti Istituzioni museali internazionali.

La mostra Donatello. Inventore del Rinascimento, inaugurata il 2 settembre e che resterà aperta a Berlino fino all’8 gennaio 2023, è il risultato di una di queste collaborazioni.

La mostra vede infatti impegnati, con il Staatliche Museen zu Berlin, il Victoria & Albert Museum di Londra, la Fondazione Palazzo Strozzi e i Musei del Bargello di Firenze e arriva a Berlino dopo il successo di pubblico riscosso a Firenze.

La collaborazione nasce dal fatto che dopo il Museo Nazionale del Bargello di Firenze e il Victoria & Albert Museum di Londra, la Staatliche Museen zu Berlin possiede una delle collezioni di opere di Donatello più ampie e diversificate al mondo.

Questa è la prima mostra in Germania incentrata su Donatello, considerato uno dei fondatori del Rinascimento Italiano.

Le sue opere sono, infatti, caratterizzate da innovazioni tecniche e hanno rivoluzionato la pratica artistica del loro tempo.

Donatello (ca. 1386–1466) fu un versatile innovatore, sempre aperto agli sviluppi tecnici e artistici e sperimentò instancabilmente materiali e forme di espressione estetica.

Ad esempio, ha impiegato una prospettiva calcolata matematicamente nella creazione dei suoi rilievi e ha utilizzato materiali come terracotta e gesso per creare e riprodurre le sue opere oltre al mezzo più tradizionale del marmo.

Numerosi capolavori testimoniano la sua straordinaria produttività e fantasia, e sono oggi considerati le maggiori opere del Rinascimento italiano.

L’esposizione propone ben 90 opere, molte delle quali sono opere chiave della sua produzione artistica che non sono mai state mostrate insieme, alcune mai uscite dall’Italia come le tre importanti opere in bronzo provenienti dal monumentale altare maggiore della Basilica del Santo a Padova.

Queste opere entrano in dialogo con la pittura di contemporanei come Masaccio, Fra Filippo Lippi e Andrea Mantegna e con sculture, disegni e calchi provenienti dai possedimenti dell’Antikensammlung, del Kupferstichkabinett e del Gipsformerei.

Questo dialogo offre ai visitatori l’opportunità unica di avere un’idea della creatività espansiva di Donatello e capire che la storia di Donatello è anche la storia del Rinascimento.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì >venerdì 10:00 – 18:00
  • Sabato e domenica 11:00 – 18:00
  • NB il sito del Museo riporta date e orari di giornate festive particolari e altre informazioni utili per la visita.

INFO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.