ANDREAS ANGELIDAKIS Post-Ruin – Bentivoglio

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 28/04/2022

- DATA FINE: 12/06/2022

- LUOGO: BOLOGNA – Palazzo Bentivoglio

- INDIRIZZO: via del Borgo di San Pietro 1, Bologna

Una mostra dell’artista greco Andreas Angelidakis che affronta il concetto di rovina, in una visione tutta particolare, che invita il pubblico ad ulteriormente smembrare e riutilizzare le rovine che costituiscono l’istallazione centrale.

ANDREAS ANGELIDAKIS Post-Ruin – Bentivoglio

 

 

Palazzo Bentivoglio ha inaugurato il 28 aprile la mostra dell’artista greco nato ad Atene nel 1968 Andreas Angelidakis.

Andreas Angelidakis ha studiato presso la prestigiosa scuola di architettura SCI-Arc di Los Angeles, e la Columbia MSAAD ed è stato definito un architetto che non costruisce, ma potrebbe essere più̀ corretto vederlo come un critico e un intellettuale che utilizza l’arte per riflettere sullo spazio che ci circonda e sul modo in cui le nuove tecnologie influenzano l’architettura e il modo di vivere di ciascuno di noi.

La mostra, proposta alla città con aperture straordinarie nella settimana dal 7 al 15 maggio in occasione di Art City Bologna 2022, rimanda al passato e alla storia dell’edificio che la ospita che fu distrutto da una sommossa popolare.

Post-Ruin – Bentivoglio, l’istallazione che dà il titolo ed è al centro della mostra, fa parte di una serie in cui il concetto di rovina viene sovvertito rendendo l’opera utilizzabile a piacimento dal pubblico.

Si compone infatti di elementi modulari attraverso i quali è possibile modificare gli spazi, assemblandoli per ricreare un’ipotetica rovina antica o dividendoli e sparpagliandoli così da ottenere sedute e punti di appoggio.

I blocchi, gli archi e i frammenti della rovina sono realizzati con materiali soffici e leggeri.

La superficie dei pezzi è stampata con la fotografia di un pattern marmoreo.

Si tratta di un’opera che mette in discussione la monumentalità e la distanza di rispetto che siamo soliti riconoscere alle antichità.

Nei tre ambienti espositivi sono inoltre presentati dei video sia ambientali, sia proiettati su schermi, in cui la visione dell’architettura e dello spazio abitato nel loro progresso storico ben esemplifica il lavoro di Angelidakis.

Assieme a questi viene esposta una serie di piccole sculture realizzate tramite stampanti 3D e in grado di rendere reali le visioni architettoniche progettate al computer dall’artista.

Nella prima sala, invece, il pubblico è accolto da due grandi wallpaper realizzati per l’occasione, altro elemento classico della sua produzione artistica.

ORARI DI APERTURA

  • Sabato e domenica 11.00 – 18.00
  • altri giorni su appuntamento.
  • In occasione di Art City Bologna aperture speciali:
  • 12 maggio > 11.00-18.00
  • 13 maggio > 11.00-18.00
  • 14 maggio > 12.00-22.00
  • 15 maggio > 11.00-18.00

 

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.