VEDO NUDO. Arte, seduzione e censura

La mostra presenta un percorso espositivo attento non solo all’aspetto storico-artistico ma anche concettuale

VEDO NUDO. Arte seduzione e censura

SAN BENEDETTO DEL TRONTOPALAZZINA AZZURRA
Via Buozzi, 14
Fino al 6 ottobre 2019

 

Giuseppe Veneziano, Novecento, 2009, Acrilico su tela, 340 x 190 cm, Collezione privata
Giuseppe Veneziano, Novecento, 2009, Acrilico su tela, 340 x 190 cm,
Collezione privata

 

Il nudo, l’arte e la censura

Artisti di ieri e di oggi si confrontano con l’eterno enigma del Nudo e dell’arte della seduzione in epoca moderna e contemporanea.
Lo fanno attraverso dipinti, sculture, fotografie video o ceramiche.

 

Gli artisti

Giuseppe Renda, Osvaldo Licini, da Amedeo Modigliani a Cagnaccio di San Pietro.

Da Lucio Fontana a Renato Guttuso, Oliviero Toscani a Gian Paolo Barbieri, Piero Gemelli e Giuseppe Mastromatteo.

Claudio Cintoli a Scipione (Gino Bonichi), da Rino Stefano Tagliafierro ad Andrea Salvatori.

Giuseppe Veneziano al quartetto The Bounty Killart per citarne solo alcuni.

 

La mostra –  VEDO NUDO. Arte seduzione e censura

La mostra è curata da Stefano Papetti e dall’Associazione culturale Verticale d’Arte (Elisa Mori e Giorgia Berardinelli).

Presenta un percorso espositivo attento non solo all’aspetto storico-artistico ma anche concettuale.

Lo spettatore viene accompagnato, coinvolto in un gioco di seduzione, a leggere le diverse espressioni e le trasformazioni nelle forme e nei contenuti del nudo e nella sua percezione dai primi del Novecento ai giorni nostri.

 

Palazzina Azzurra

Le opere, che si collocano nei due piani espositivi della Palazzina Azzurra.

Provengono da prestigiose collezioni pubbliche e private, e da artisti affermati nell’ambito dell’arte contemporanea a livello nazionale e internazionale.

 

La morale mostrata dall’arte

L’esposizione intende mostrare le oscillazioni della morale attraverso il gesto artistico, che di volta in volta censura o rompe un tabù.

VEDO NUDO. Arte seduzione e censura. Una vera “sfida” per gli occhi degli spettatori.

L’esempio più classico è offerto da “No anorexia” di Oliviero Toscani, contestatissimo capolavoro della fotografia mondiale.


ORARI

Tutti i giorni eccetto il Lunedì
Fino al 15 settembre dalle ore 18.00 alle ore 24.00
Dal 16 settembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00


INFO

TEL:+39 0735 794229
http://www.verticaledarte.it

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.