Senza Santoro la Rai vede andare in fumo 11 milioni di pubblicità

Che Santoro avesse deciso di abbandonare la Rai si sapeva, e senza sbilanciarci troppo molti di noi lo immaginano già con la casacca di ‘La 7’. Viale Mazzini forse si è liberata di un personaggio scomodo e molto più facile sarà gestire i palinsesti ora che Santoro non c’è più. La tv di stato dovrà però anche fare i conti con una perdita economica non da poco. Ecco le cifre:  in termini di introiti pubblicitari Annozero faceva guadagnare 11 milioni di euro, a fronte di un costo della trasmissione di 200 mila euro a puntata(ieri Santoro ha messo sul sito internet della trasmissione tutti i dati d’ascolto del programma dal suo inizio).

Il vuoto lasciato da Santoro potrebbe essere davvero pesante soprattutto per il direttore generale Lorenza Lei a cui il cda farà un vero e proprio processo per aver gestito tutta la trattativa in modo, secondo alcuni, non trasparente. Un anno fa a Santoro erano stati offerti ben 17 milioni di euro per lasciare la Rai, ma con la clausula di ‘non concorrenza’ per almeno tre anni che invece, in questo caso, non è stata firmata. In che modo adesso Raidue potrà recuperare 11 miloni di euro l’anno solo di pubblicità che Santoro attraeva? Al momento è il vuoto, anche sul fronte delle idee. Si dice che la trattativa con il conduttore di Annozero sia in fase avanzata anche se è stato lo stesso Santoro a non precludere la possibilità di «collaborare nuovamente con la Rai».
Intanto ieri, con Santoro a un passo da La7 i titoli della controllante Telecom Italia Media hanno fatto il botto, registrando un balzo fino al 20 per cento, con oltre 35 milioni di azioni passate di mano.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.