Semplicemente Robert Capa

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso con attenzione alle disposizioni a prevenzione della pandemia da Covid 19

- DATA INIZIO: 08/10/2022

- DATA FINE: 29/01/2023

- LUOGO: ROVIGO – Palazzo Roverella

- INDIRIZZO: Via Laurenti 8/10

- TEL: +39 0425 460093

Una mostra dedicata alle tappe del lavoro anche oltre i conflitti del maestro del fotogiornalismo di guerra e cofondatore dell’agenzia internazionale Magnum Photos, Robert Capa

Semplicemente Robert Capa

 

 

Il curatore scientifico della nuova mostra fotografica di Palazzo Roverella sarà Gabriel Bauret, lo storico francese della fotografia che dopo aver “firmato” il successo di Doisneau curerà la mostra Semplicemente Robert Capa, una retrospettiva forte di circa 130 fotografie selezionate dagli archivi dell’agenzia Magnum Photos in una combinazione di scatti emblematici dell’opera di Capa.

Tra le foto scelte dal curatore anche alcune immagini apparse più raramente, che verranno sviluppate appositamente per l’esposizione.

Nato a Budapest nel 1913 Robert Capa è considerato il primo e più famoso fotografo di guerra, maestro del fotogiornalismo.

Capa infatti ha documentato, con i suoi storici scatti in cinque diversi conflitti: la guerra civile spagnola (1936-1939), la seconda guerra sino-giapponese (che seguì nel 1938), la Seconda guerra mondiale (1941-1945), la guerra arabo-israeliana (1948) e la prima guerra d’Indocina (1954).

È morto nel 1954 saltando su una mina in Vietnam mentre faceva il suo lavoro.

Robert Capa è rimasto nell’Olimpo della storia della fotografia del XX secolo, fondatore nel 1947, con Henri Cartier-Bresson, David Seymour, Georges Rodger e William Vandivert dell’agenzia Magnum Photos, ancora oggi tra le più importanti agenzie di fotogiornalismo mondiali.

La mostra Semplicemente Robert Capa propone ora uno sguardo sulle principali tappe della produzione del fotografo anche oltre i conflitti, soffermandosi su alcune icone che hanno incarnato la storia della fotografia del ‘900.

Infatti, L’esposizione non si limiterà alle rappresentazioni della guerra che hanno forgiato la leggenda di Capa ma guarda anche ai momenti più calmi in cui Capa posava il suo straordinario occhio fotografico sugli esseri umani, la loro natura e la loro personalità.

In queste immagini si può cogliere meglio qualità tecniche e impatto emotivo delle sue fotografie.

Sono foto, infatti, in cui inquadratura, composizione, espressione del movimento, distanza dal soggetto sono curati con rigore e attenzione.

Robert Capa è internazionalmente noto come maestro della fotografia in bianco e nero, ma ha lavorato regolarmente anche con pellicole a colori.

Sebbene alcune fotografie siano state pubblicate sui giornali dell’epoca, la maggior parte degli scatti a colori non era mai stata presentata in un’unica mostra.

La mostra, una delle più ricche dedicate al grande fotografo, negli ultimi anni è arricchita inoltre di contenuti documentali, quali le riproduzioni di provini e pagine dei quaderni provenienti dalla Bibliothèque Nationale de France e dall’agenzia Magnum, le riproduzioni delle foto pubblicate a doppia pagina sulla stampa francese e americana e spezzoni di un film su Robert Capa di Patrick Jeudy.

ORARI DI APERTURA

  • lunedì >giovedì 9.00 – 19.00
  • venerdì e sabato 9.00 – 22.30
  • domenica e festivi 9.00 – 20.00
  • Per la conferma degli orari si consiglia di contattare Palazzo Roverella.

INFO

  • https://www.palazzoroverella.com
  • (il sito non riporta ancora informazioni sulla mostra, che tuttavia è stata comunicata ufficialmente alla stampa)
  • T.+39 0425 460093
  • info@palazzoroverella.com
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.